in ,

Vibo Valentia, omicidio 16enne a Mileto: si costituisce una terza persona

Aggiornamento ore 11:27 – Il movente dell’omicidio di Mileto. 

Francesco avrebbe compiuto 16 anni a luglio e tra lui e Alex ci sarebbe quindi una ragazza contesa. Un’altra adolescente, alla quale la vittima aveva postato un commento sotto ad una foto su Facebook. Gesto che avrebbe convinto l’omicida a “regolare i conti”. Alex ha così dato appuntamento all’amico in un luogo isolato della zona, sparando all’amico per poi costituirsi e confessare. I due frequentavano la stessa compagnia e la stessa scuola, l’Itis di Vibo Valentia, come testimoniano le tante foto su Facebook insieme.

Vibo Valentia, si continua a far luce sull’omicidio di Francesco, il giovane 16enne assassinato da un coetaneo a causa di una lite per futili motivi. Nella serata di ieri un terzo ragazzo, un 19enne della zona, si è costituito ai carabinieri. Come riportato dai colleghi di ReggioTV, il giovane, sempre della provincia di Vibo Valentia, avrebbe accompagnato i due rivali nella zona isolata dove poi è avvenuta la tragedia.

>>> Tragedia a Vibo Valentia <<<

In località Vindacito, dove è stato ritrovato il corpo del giovane 16enne,  A.P. e Francesco non erano del tutto soli, anche se il terzo ragazzo dopo averli portati sul posto si sarebbe allontanato per lasciarli discutere tra di loro e una volta sentiti gli spari si sarebbe dato alla fuga. Dunque, il giovane potrebbe essere ascoltata come parte informata sui fatti.

>>> Tutto sul mondo delle news <<<

Al momento le indagini sono ancora in corso. Dinamica e movente dell’omicidio del 16enne sono ancora al vaglio degli inquirenti. Se ne saprà di più solo dopo l’interrogatorio di questo terzo ragazzo che si è consegnato, sua sponte, ai carabinieri.

Dalla Vostra Parte Rete 4, giornalista aggredito alla stazione Tiburtina di Roma: “Non ci facciamo intimidire”

La tenerezza di Gianni Amelio: recensione di un film esistenziale