in ,

VIDEO – Car-surfing, arriva in Italia dall’America il gioco che sfida la morte: l’incidente di Livorno

Nella notte tra il 5 ed il 6 aprile, a Livorno, un ragazzo di 28 anni è rimasto gravemente ferito in un ‘incidente’ d’auto causato da una bravata. Erano da poco passate le 2.00 quando tre ragazzi su una jeep si son resi protagonisti di un ‘gioco’ davvero pericoloso in prossimità del parcheggio della Stazione Marittima: a turno salivano sul cofano dell’auto in movimento, cercando di reggersi in equilibrio quanto più a lungo possibile. E con la complicità dell’alcol che i tre avevano assunto, la tragedia è stata presto sfiorata. Durante una delle pericolose manovre dell’auto, infatti, uno dei ragazzi, Tommaso di 28 anni, ha perso l’equilibrio ed è caduto sull’asfalto procurandosi gravi lesioni al cranio e alla schiena. Soccorso prontamente dall’ambulanza, ora il giovane si trova ricoverato in gravi condizioni nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale di Livorno.Car-surfing

Ma cos’è quest’assurdo ‘gioco’ che sfida la morte? Si chiama “Car-Surfing” e, come tutte le mode pericolose d’Oltreoceano, ha fatto presto ad arrivare anche in Europa, in Italia. Nato negli Stati Uniti, il “Surf sulla macchina” consiste nel simulare sul tettuccio dell’auto in corsa, che sfreccia all’impazzata, i movimenti che si compiono sulla tavola da surf, nel tentativo di stare in equilibrio il più a lungo possibile. Una sfida mortale che ha stregato migliaia di giovani in tutto il mondo, ampiamente documentata da decine di video su You Tube che hanno come protagonisti dei ragazzi, alterati dall’effetto dell’alcol, che giocano a stare in equilibrio sull’auto in corsa, appesi al finestrino.

E se in America il Car-Surfing dal 2008 ha già causato la morte di 58 ragazzi tra i 15 e i 19 anni, coinvolgendo nel 70% dei casi persone di sesso maschile, anche l’Italia non è nuova a simili episodi. Già due anni fa, infatti, nel mantovano un ragazzo di 35 anni, Luigi Carelle, finì in ospedale in gravissime condizioni per un volo di decine di metri dopo aver ‘giocato’ a fare sciagurate piroette sul tettuccio dell’auto dell’amica che guidava in stato d’ebbrezza: lo schianto dell’auto gli fu quasi fatale e la ragazza fu denunciata.

Ecco uno dei video che girano in rete, certamente più eloquente di tante parole:

bolle per eni

Roberto Bolle supertestimonial per Eni: “Voglio un Expo-vetrina per artisti italiani” (Foto)

Report Facebook

Stasera in Tv: le nuove inchieste di “Report”, il “Grande Fratello” e il vertiginoso “40 carati”