in

Vinicio Capossella al Ravenna Festival il 18 e 19 giugno 2014

Nature animali che rappresentano altrettante nature dell’uomo, dell’amore e del peccato: così Vinicio Capossela riassume il suo ultimo spettacolo, “Carnevale degli animali e altre bestie d’amore”, scelto per inaugurare il Ravenna Festival il 18 giugno 2014.

Vinicio Capossela

Tra incursioni teatrali, travestimenti e rievocazioni di bestiari medievali, Vinicio e il suo ensemble, il Trio Amadei e i Solisti della Vianiner Philharmoniker, affiancati dalla voce narrante di Ermanna Montanari, proporranno le musiche composte da Camille Saint-Saens nel 1886, più una selezione di brani dello stessa artista, in parte conosciuti e in parte inediti, scelti per immergere lo spettatore in un mondo immaginifico fatto di amore e di simbolismi.

Lo spettacolo comincerà alle 21 alla Pineta di San Giovanni (via Trieste 279), e in caso di maltempo si svolgerà al Teatro Alighieri. I fan di Vinicio potranno intrattenersi a Ravenna fino al giorno successivo, 19 giugno, quando l’autore presenterà suo ultimo libro, “Tefteri” (ore 17.30, al palazzo dei Congressi di Largo Firenze), a cui seguirà la proiezione del film documentario “Indebito”scritto al fianco di Andrea Segre.

Per chi non riuscirà ad essere presente a Ravenna, sono già in programma le prossime date dello spettacoloIl Carnevale degli animali e altre bestie d’amore”: il 21 giugno al Teatro Romano di Verona, il 26 giugno al Villa Arconati Music Festival a Castellazzo di Bollate di Milano (che vedrà Paolo Rossi nello straordinario ruolo di narratore), e il 3 luglio a Grottaglie (Taranto) in occasione del Festival musicale Città delle ceramiche.

Il 29 giugno Vinicio tornerà a Ravenna, in compagnia della Banda della Posta e della cantante salentina Enza Pagliara.

Per saperne di più, visita il sito ufficiale dell’artista.

(autore dell’immagine principale paPisc, da Flickr.com)

Mondiali Brasile 2014 gironi classifiche dopo la prima giornata

Irene Casartelli U&D

Uomini e Donne, Irene Casartelli rinuncia al trono: “Sono innamorata persa”