in ,

Virus Ebola, le bufale web imperversano: Cia e alieni accusasti di diffonderla

L’epidemia di Ebola sta facendo morti e pandemia in Africa, in particolare sulla costa occidentale. Ma insieme ai dati allarmanti corrono sul web anche molte bufale e invenzioni cospirative. 1201 i casi confermati: 672 i morti, ma i dati ufficiali dell’Onu sono di circa 10 giorni fa. Quindi i numeri veri saranno certamente peggiori. Perchè il virus si diffonde con il confatto con i fluidi corporali di un malato. Guinea, Nigeria, Liberia e Sierra Leone sono i paesi più colpiti. L’unico caso europeo è spagnolo. Se non affrontata adeguatamente l’Ebola ha una mortalità del 90%.

bufale virus ebola

Insieme a questi dati drammatici, però, come anticipato, ci sono anche molte invenzioni che il ministro della sanità Lorenzin si è presa la briga di commentare come “pericolose”. C’è quella che dice che il virus Ebola sia arrivato il Italia. In particolare a Pisa, dove sarebbero taciuti 40 casi. Stesso discorso a Lampedusa. Lo stato avrebbe applicato la tagliola della censura e messo sotto la sabbia le notizie. Che però sono false.

Inventata è anche la storia che i paesi africani dai quali il ceppo di Ebola si è abbattuto sarebbe stato volontariamente bombardato dal cielo con la malattia. Un modo per studiarla e produrre le medicine adeguate. Con tanto guadagno per le case farmaceutiche. Infine, dagli Stati Uniti, arriva la cospirazione secondo la quale la Cia e gli alieni avrebbero diffuso e starebbero studiando la malattia. Secondo altri, invece, ci sarebbe la mano dell’ex presidente Herry Kissinger e dell’Nsa.

sciopero benzinai

Low cost vacanze in auto, come risparmiare benzina grazie a nuove alternative

schettino Report

Schettino in cattedra: l’Università la Sapienza deferisce il professore che lo ha invitato