in

Visite fiscali Inps 2017: dipendenti pubblici e privati, orari e novità in vista

Le visite fiscali cambiano volto, per diventare più efficienti nel 2017. Al rinnovato impegno del Governo, che proprio nei giorni scorsi ha annunciato le novità del decreto Madia che riguardano i dipendenti pubblici, hanno fatto eco le parole del Presidente dell’Inps Tito Boeri, che a margine della presentazione della ricerca “Domiciliarità e residenzialità per l’invecchiamento attivo” ha chiesto di equiparare le fasce di reperibilità per pubblici e privati.

Che cosa cambierà per i dipendenti statali e quali sono le novità in vista? Le visite fiscali dei lavoratori pubblici non faranno più capo alle Asl, ma a un polo di medicina fiscale gestito direttamente dall’Inps, con l’obiettivo di centralizzare i controlli e potenziarne l’efficacia. Non si esclude la possibilità di mettere in atto accertamenti ripetuti e intervenire sulle modalità di fruizione dei permessi, come ad esempio quelli legati alla legge 104, modificando le modalità di preavviso.

SCOPRI TUTTI GLI AGGIORNAMENTI SUL LAVORO IN ITALIA SU URBAN POST!

Ma le novità non finiscono qui. Al momento i dipendenti pubblici hanno l’obbligo di reperibilità per 7 ore giornaliere, ovvero dalle ore 9:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 18:00. Boeri ha manifestato l’intenzione di estendere questa fascia di reperibilità anche ai lavoratori privati, che al momento sono tenuti a rispettare 4 ore di reperibilità giornaliere (ore 10:00-12:00 e 17:00-19:00). Tra le richieste del presidente dell’Inps, anche quella di introdurre nel lavoro privato la contribuzione obbligatoria per dare un sostegno alle politiche per la non autosufficienza. Non mancheremo di tenervi aggiornati su entrambi i fronti.

In apertura: foto di Mojpe/Pixabay.com

Valerio sSanu Beppe Vessicchio

Sanremo 2017, arriva il commento di Beppe Vessicchio su Facebook: “Ecco cosa sto facendo”

Despar assunzioni e stage 2017

Despar lavora con noi 2017: offerte di lavoro in varie città