in ,

Visite mediche low cost: a San Giorgio di Piano apre l’ambulatorio sociale

Il terzo ambulatorio sociale d’Italia ha da poco aperto i battenti a San Giorgio in Bosco, in provincia di Padova. La mission? Garantire visite mediche “low cost” alle persone meno abbienti.

L’idea, nata nel 2013 dalla collaborazione di Ulss 15 Alta Padovana, il Comune e l’associazione “Territorio e Vita.org”, si è concretizzata in un progetto che ora vede impegnati in prima linea un team di diciannove medici volontari, di cui cinque primari pronti ad offrire prestazioni mediche specialistiche a tariffe basse o nulle che vanno dalla ginecologia all’ortopedia, dall’oculistica alla psichiatria: un’iniziativa che ha risposto inizialmente alle esigenze di cittadini stranieri o senza fissa dimora, per andare successivamente incontro ai bisogni di una fascia sempre più estesa della popolazione che non riesce più a provvedere alle spese mediche.

Per garantire equità nell’accesso ai servizi è necessario avere l’attestazione del proprio medico di base, essere residenti nel Comune e possedere un ISEE pari o inferiore ai 7.500 euro. Così come riportato dalla rivista online Redattore Sociale, l’esperimento veneto è il terzo in Italia, dopo quelli di Bari e Genova, che si rivolge anche a cittadini italiani; ma molte di più sono le testimonianze – da Milano a Roma, passando per Bologna – che provano a rispondere all’emergenza della sanità dei migranti.

Written by Corinna Garuffi

Trentun anni, laureata in Scienze della Comunicazione, lavora da anni nel sociale. Da sempre alla ricerca di notizie inerenti al mondo del volontariato e alle opportunità offerte dell’Unione Europea, è anche appassionata di fotografia, arte e cucina. Indossa per la prima volta le vesti di blogger.

Gianluca Salviato liberato in Libia

Libia, Farnesina: “Gianluca Saviato è stato liberato, è già in Italia”

spettacolo Milano Il clan delle divorziate 2014

Il clan delle divorziate a Milano dal 2 dicembre 2014: date e orari degli spettacoli