in ,

Una Vita anticipazioni settimanali dal 29 maggio 2017 al 3 giugno 2017

Lunedì 29 maggio 2017, inizia una nuova settimana di programmazione per Una Vita, soap opera in onda ogni pomeriggio su Canale 5 e che in Italia ha riscosso grandissimo successo, tanto da approdare in prima serata insieme a Il segreto. Ecco le anticipazioni settimanali da lunedì 29 maggio sabato 3 giugno 2017.

Lunedì 29 maggio

Ursula si licenzia e il suo posto viene preso da Fabiana, che così può stare più tempo con la figlia. Donna Rosina s mette alla ricerca di una nuova domestica per sostituire Casilda.

Martedì 30 maggio

Victor decide di perdonare la madre Juliana, ma non subito, dovrà passare prima un po’ di tempo. Ursula e Donna Cayetana hanno un potente scontro verbale.

> INTERVISTA ESCLUSIVA A CAYETANA DI UNA VITA <<

Mercoledì 31 maggio

Donna Cayetana cede al ricatto ordito da Ursula, mentre l’ispettore continua il suo piano contro la donna sostenuto da Teresa Sierra. Victor e la madre Juliana continuano a riavvicinarsi.

Giovedì 1 giugno 

Martin decide di aiutare l’ispettore per arrestare gli anarchici. Pablo cerca di far ragionare Casilda per farla tornare nel quartiere e farla parlare con il suo ex fidanzato, adesso detenuto in carcere.

Venerdì 2 giugno 

Fabiana, su ordine di Donna Cayetana, segue Ursula per scoprire dove sono seppelliti German e Manuela. Victor accusa Donna Susanna per i comportamenti nei confronti della mamma.

Sabato 3 giugno

L’ispettore e Teresa Sierra sono vicini ad incastrare Donna Cayetana. Don Ramon viene avvicinato da un uomo, Don Clemente Heredia.

Written by Vincenzo Mele

Nato a Napoli il 13 Agosto 1996, si è diplomato al Liceo Classico Adolfo Pansini, in Napoli. Attualmente frequenta la facoltà di Lettere moderne all'Università Federico II di Napoli. Giornalista pubblicista iscritto all'Ordine dei giornalisti della Campania. Si occupa di sport, tv e gossip.

marbella, auto contro la folla,

Marbella, auto contro la folla: escluso terrorismo

Mosca, l’indignazione per l’arresto del piccolo Oscar: il piccolo poeta trattato come un criminale