in

Vitamina C alimenti: non assumerla per tre mesi causa Scorbuto, nuovi casi in Europa

Lo Scorbuto torna in occidente: si tratta di una malattia che in passato colpiva principalmente i marinai, ed è causata dalla mancata assunzione di vitamina C o, nello specifico, di acido ascorbico. Nei paesi cosiddetti ricchi sembra essere ricomparsa, un paradosso se osserviamo il benessere nel quale viviamo. I casi documentati di recente, però, hanno una causa comune; le pessime abitudini alimentari.

Un gruppo di ricercatori australiani ha documentato e pubblicato sulla rivista scientifica ‘Diabetic Medicine’ ben 11 nuovi casi di Scorbuto in soggetti affetti da Diabete. La dieta di questi pazienti, infatti, era povera di alimenti essenziali quali frutta e verdura. Anche in occidente vi sono dei casi registrati e la particolarità del fenomeno risiede nel fatto che a soffrirne sono sia poveri che ricchi. I primi per malnutrizione, i secondi a causa di diete squilibrate e stili alimentari non opportunamente studiati.

Per soffrire di Scorbuto basta non assumere vitamina C per tre mesi: tra i sintomi tipici della malattia ritroviamo emorragie, anemie, denti traballanti e in fase di caduta, difficoltà della pelle a cicatrizzare le ferite, petecchie, problemi intestinali. In alcuni casi può portare alla morte. Quali sono, quindi, gli alimenti da consumare per evitare la malattia? Bisogna sapere che il fabbisogno giornaliero di vitamina C è di circa 90 mg e ne servono solo 10 mg al giorno per evitare il manifestarsi dello Scorbuto. Dunque kiwi, arance, peperoni freschi e in generale vegetali non cotti, poiché la vitamina C è ‘fragile’ e basta la semplice cottura o la lunga conservazione per perderla.

[dicitura-articoli-medicina]

bersani renzi commenti pd

Dimissioni Renzi, Pierluigi Bersani: “Battuta la destra”

aggiornamento jailbreak iOS 9.3.2

Aggiornamento jailbreak Beta 5 iOS 10.2, iOS 10.1.1 e iOS 10: settimana definitiva per il kit di sblocco