in ,

Vittoria-Paternò sospesa per maxi rissa: squalifiche e multe per i due club d’Eccellenza

Vittoria-Paternò, partita che doveva significare divertimento e spettacolo si è trasformata in orrore e ripugnanza, quando al rientro negli spogliatori si è accesa una maxi rissa tra i calciatori delle due squadre, nella quale, ad avere la peggio è stato un calciatore del Paternò, a cui sono stati diagnosticati un’incrinatura delle costole ed un pneumotorace dopo il trasporto in ospedale.

Sconfitta a tavolino per entrambe le squadre e dirigenze che stanno seriamente pensando di ritirare le due società dal campionato però, nonostante tutto, è intervenuto il segretario del Vittoria, Giovanni D’Iapico, lamentandosi delle squalifiche ottenute dalla propria squadra. Queste le sue parole: “Entro venerdì la nostra società presenterà le proprie documentazioni alla Lega, anche in presenza delle immagini della Polizia (si attendono ancora i riscontri giudiziari) che chiariscono ulteriori dettagli. Ci attiveremo da subito per capire perché alcuni giocatori non presenti all’interno del tunnel risultino ugualmente squalificati”.

59 giornate di squalifica in tutto, 36 per i padroni di casa e 23 per gli ospiti, e 600 euro di multa ad entrambi i club. Il derby siciliano Vittoria-Paternò del campionato di Eccellenza, è stato sospeso per i troppi cartellini rossi. Scene che non si dovrebbero mai vedere ma che spesso, purtroppo, accadono. Questo non è calcio, questo non è sport.

Seguici sul nostro canale Telegram

servizio pubblico landini

Servizio Pubblico, #landinivai: il web chiede a Landini di entrare in politica

Caso Yara ultime news

Caso Yara ultime news, parla il vicino di casa di Massimo Bossetti: “Spiò mia figlia”