in ,

Voci per la Libertà: Premio Amnesty International Italia Emergenti

Voci per la Libertà si terrà dal 17 al 20 luglio 2014 presso il Piazzale Europa di Rosolina Mare (Rovigo). Gli artisti semifinalisti, coinvolti per il Premio Amnesty International Italia Emergenti, sono 8. Ecco chi sono.

premio Amnesty International

18 luglio – ANNA LUPPI (Mantova – Cantautrice) “E’ compositrice, musicista e cantante di origine mantovana. Nel 2007 fonda gli Idramante con i quali pubblica due album in studio, Nel mio viaggio (2008) e Vite in scatola (2011), suonando anche in Francia, Spagna, Olanda, Slovenia, Austria, Stati Uniti e Germania. Nel 2014 debutta come solista con l’EP In mare aperto, prodotto da Materiali Musicali e distribuito anche in versione spagnola con il titolo di En Mar Abierto. Sul palco di Voci per la Libertà sale come vincitrice del Premio Web, essendo stata la più votata on line tra i primi iscritti al Premio Amnesty International Italia Emergenti.” Brano in concorso: “Piccola ballata dell’infibulazione”  MARMAJA (Rovigo – Folk Rock) “In tel vento sonà è il disco d’esordio dell’ensemble fondato con il nome di Marmaja nel 1998 dal frontman Maurizio Zannato, ma già attivo fin dagli anni ’80. Da allora numerosissimi sono stati i concerti della loro musica popolare, le presenze su compilation tematiche e i dischi in studio. Nel 2010 la line up si rinnova e dà vita ai lavori più recenti: 7 demo cd (autoproduzione, 2011) e Come le pagine dei libri letti (Latlantide, 2013), album che festeggia i 20 anni di attività della band, e Cuore Rossoblu – momenti di gloria (autoproduzione, 2014). E’ l’unico gruppo in concorso che ha inciso musicassette.” Brano in concorso: “Storia di qui”  TIZIO BONONCINI (Bologna – Canzone D’autore) “Tizio Bononcini, cantante, pianista e bassista, inizia la sua attività di autore e compositore nei Sampira a 17 anni. Dopo una fase solista, nel 2011 incontra musicalmente il violoncellista Vincenzo De Franco con il quale fonda un duo e mette in scena spettacoli musical teatrali, presentando storie, personaggi e racconti, reali e fantastici, contemporanei e d’altri tempi. Vincenzo vede nelle canzoni di Tizio un potenziale da fare emergere e un’opportunità per dare al suo strumento un ruolo inusuale nella musica leggera. Con lui pubblica nel 2012 Entrambi Tre, disco d’esordio composto da nove tracce di un prezioso cantautorato folk blues.” Brano in concorso: “La rana di legno” LES FLEURS DES MALADIVES (Como/Milano – Rock Alternativo d’Autore) “I Les Fleurs des Maladives nascono nel 2002, dando vita ad un Rock Alternativo d’Autore tagliente e d’impatto, marcatamente eclettico con cavalcate stoner, esplosioni post-rock e contaminazioni noise, modulate e reinterpretate sempre da una spiccata vena cantautore, che vede nei testi in italiano il cuore pulsante delle sonorità della band. Nel 2009 Nada sceglie un loro brano, Novembre, e lo include nell’album Live Stazione Birra, prodotto da Lucio Fabbri. Nel 2007 i Les Fleurs Des Maladives autoproducono la prima prova discografica Antinomìe EP e nel 2013 pubblicano Medioevo! per Zeta Factory/Master Music.” Brano in concorso: “Dharamsala”

19 luglio – MUD (Mantova – Canzone D’autore) “Dietro il nome Mud (fango) si cela Michele Negrini, frontman dei Terzobinario, band Premio Amnesty International Italia Emergenti nel 2009 e con due album all’attivo. Il neonato progetto di Michele nasce per raccontare storie di persone comuni attraverso uno sguardo che sa penetrare nell’animo umano e nelle ferite della società, usando un linguaggio musicale che incrocia blues, reggae e canzone d’autore. Le sonorità intime la fanno da padrone delle preproduzioni dell’album d’esordio, previsto per il prossimo autunno, mentre live le canzoni nascono artigianalmente sotto gli occhi del pubblico grazie ad una loopstation.” Brano in concorso: “Metti che un giorno ti svegli” GIUSEPPE RICCA (Roma – Pop Rock) Studia pianoforte da quando aveva 6 anni, perfezionando la tecnica al conservatorio Vincenzo Bellini di Catania. Compositore, paroliere e autore, guarda alla musica d’oltreoceano per rielaborarla e sfruttarla nei suoi racconti sonori densi di poesia. Se dalla natia Sicilia assorbe lo spirito passionale e contemplativo, è a Roma, dove si trasferisce, che perfeziona la raffinata eleganza che caratterizza Sarà neve, brano che compare nel film Good As You di Mariano Lamberti. Attualmente il cantautore è impegnato nella composizione del primo album Luci e Ombre, di prossima uscita.” Brano in concorso: “Braccio” VILLAZUK (Cosenza – Folk Cantautorale) “Quando arrivano i VillaZuk è festa: l’ensemble cosentina invade il palco con i suoi otto elementi e l’etere con note meticcie nelle quali confluiscono cantautorato, country, pop e reggae e nelle quali dominano i ritmi trascinanti in levare. Spiccato il senso melodico e una scrittura immaginifica e dotata di innegabile espressività. Da oltre 10 anni sulla scena, hanno dato alle stampe due album: A colorare libertà (2010) e Meno male Robertino (2013), disco che scala la classifica ufficiale Indie Music Like dei brani indipendenti più ascoltati in Italia.” Brano in concorso: “Come si passa” IL NERO TI DONA (Napoli – Rock Alternativo) “La fondazione della band napoletana risale al 2004 con un nucleo storico formato da Maurizio Triunfo, Mario Barbarulo e Fabrizio Cirillo, al quale si aggiunge nel 2012 Andrea Belardo. Sempre fedele al rock alternativo, che si gioca tra trame rock energiche ed altre pacate e soffici, ma pur sempre a tinte fosche, Il nero ti dona solo nel 2006 inizia a comporre testi in italiano, scegliendo temi intimisti e di carattere sociale. Due i dischi prodotti da loro pubblicati: nel 2010 Studiando il modello terrestre per Soulfingers Productions e nel 2014 Aut-Aut per Diavoletto Net Label.” Brano in concorso: “Khaled Saeed”

Domenica 20 luglio ore 21.00 la finalissima con i 5 finalisti.

 

 

Marco Fantini e Beatrice Valli selfie

Uomini e Donne gossip: Beatrice Valli incinta di Marco Fantini, le rotondità sospette fanno impazzire i fan

laura pausini senza lingerie concerto perù

Laura Pausini sbotta su Facebook: “Non credete a tutto quello che dicono, io non faccio la diva”