in ,

Voucher baby sitter asilo nido 2017: come funzionano, requisiti, domanda

Voucher baby sitter asilo nido 2017: la conferma con la Legge di Bilancio

Con l’approvazione della Legge di Bilancio 2017 sono stati confermati per quest’anno e per il 2018 i voucher baby sitter e asilo nido per le madri lavoratrici. Si tratta di un incentivo economico volto ad aiutare le donne a tornare sul posto di lavoro il prima possibile, coadiuvate da un bonus che permetta loro di pagare servizi pubblici o privati che si prendano cura dei loro bambini alla fine della maternità obbligatoria. Un bonus alla famiglia ma soprattutto all’impiego al femminile che ben si unisce alle altre agevolazioni pensate per la natalità: in primo luogo la conferma del Bonus Bebè 2017, ma anche l’introduzione del Bonus Mamma Domani e dei Buoni Nido. Scopriamo quindi di seguito come funzionano, i requisiti necessari per accedervi e come fare domanda all’Inps per i voucher baby sitter e asilo nido 2017. 

Volete essere sempre aggiornati? Seguiteci anche sulla nostra pagina Facebook!

Voucher baby sitter asilo nido 2017: cosa sono e requisiti per richiederli all’Inps

Una volta terminato il periodo di maternità obbligatoria, una donna che non sa a chi lasciare il proprio bambino era obbligata a richiedere il congedo parentale che però di mese in mese vede lo stipendio diminuire sempre di più. Da qualche anno sono stati inseriti nella Legge di Bilancio i voucher baby sitter e asilo nido, confermati per il biennio 2017-2018, che permettono di ricevere dallo Stato fino ad un massimo di 600 euro al mese per sei mesi alla fine della maternità obbligatoria, da richiedere e utilizzare al massimo negli undici mesi successivi al ritorno al lavoro. Con essi sarà possibile per la mamma lavoratrice pagare o la retta dell’asilo nido (non cumulabile con i Buoni Nido) oppure una baby sitter che si occupi del piccolo a casa.

Quali le donne che possono richiedere all’Inps i voucher baby sitter e asilo nido 2017? Essi possono essere richiesti da tutte le madri (con i requisiti di tempo sopra indicati) lavoratrici dipendenti nel pubblico e nel privato ma anche dalle lavoratrici autonome, imprenditrici o iscritte alla gestione separata. Non possono invece richiederlo coloro le quali sono già esenti dal pagamento di questi servizi, che godano dei benefici del Fondo per le Politiche relative ai diritti ed alle pari opportunità oppure che non abbiano rinunciato al congedo parentale alla fine della maternità obbligatoria. Anche le lavoratrici part time vi potranno accedere anche se in misura ridotta e commisurata al proprio impegno lavorativo.

Voucher baby sitter asilo nido 2017: come fare domanda all’Inps

Da ultimo come è possibile fare domanda all’Inps per le lavoratrici che desiderano accedere ai voucher baby sitter e asilo nido 2017? La domanda deve essere presentata all’Inps esclusivamente per via telematica attraverso il sito ufficiale dell’Istituto inserendo le seguenti informazioni:

  1. indicare a quale dei due benefici intende accedere (voucher baby sitter o nido) ed in caso di scelta del contributo per far fronte agli oneri della rete pubblica dei servizi per l’infanzia o dei servizi privati accreditati (nido), indicare la struttura per l’infanzia nella quale la lavoratrice stessa ha effettuato l’iscrizione del minore (la struttura deve essere segnalata dell’elenco dell’Inps con le scuole che sono aderenti all’iniziativa);
  2. indicare il periodo di fruizione del beneficio, specificando il numero di mesi;
  3. dichiarare la rinuncia alla fruizione del corrispondente numero di mesi di congedo parentale;
  4. dichiarare di aver presentato dichiarazione ISEE valida.

Una volta accettata la domanda, l’erogazione potrà avvenire in due modi. Se si sarà scelto l’asilo nido, l’Inps provvederà direttamente a pagare la retta all’istituto fino a un massimo di 600 euro al mese mentre; nel caso la scelta sia caduta sui voucher baby sitter, essi verranno erogati telematicamente come voucher lavoro per il pagamento della persona scelta.

Isola dei Famosi 2017 conferenza stampa: foto e anticipazioni in tempo reale (LIVE)

Pensioni 2017 news: flessibilità, Lavoro di cura, donne qui risposte darà il Governo?

Pensioni 2017 news: Opzione Donna, emendamento al Senato per allungare i termini