in

VRUMS, nasce il primo centro in Italia per la promozione, fruizione e studio della Realtà Virtuale

Il 29 novembre 2019 apre VRUMS (Virtual Reality Rooms Italia), uno spazio di 280 metri quadrati, in Via Zaccherini Alvisi 8 a Bologna. Si tratta del primo centro in Italia per la promozione, la fruizione, lo studio e la divulgazione della Realtà Virtuale in ogni suo aspetto.

VRUMS, nasce il primo centro in Italia per la promozione, fruizione e studio della Realtà Virtuale

Un progetto che nasce dall’esperienza interdisciplinare di professionisti della comunicazione e delle nuove tecnologie, ricercatori in campo socio-sanitario e da Vitruvio Virtual Museum, marchio che dal 2015 realizza esperienze di Realtà Virtuale per l’arte e la cultura, già esposte in numerosi musei italiani, con l’intento di accorciare le distanze fra i diversi settori che potenzialmente possono interagire con lo strumento della Realtà Virtuale. VRUMS rappresenterà il punto di riferimento a livello nazionale per lo sviluppo di nuove sinergie che vedranno l’applicazione della Realtà Virtuale a diversi comparti dell’economia: dal gaming alla sanità, fino ad arrivare alla cultura e al cinema. In altre parole le tecnologie altamente all’avanguardia sviluppate da VRUMS saranno al servizio di tutti i campi, impiegati in ogni settore.

Realtà Virtuale: un linguaggio nuovo e diretto

Secondo l’opinione ormai consolidata di filosofi, informatici, storici, antropologi, medici, economisti e giuristi di fama, la Realtà Virtuale rappresenta un linguaggio nuovo e diretto, che accorcerà le distanze fra cultura umanistica e cultura scientifico-tecnologica, grazie alle molteplici speculazioni cognitivo-intellettive che promette di potenziare. Qualcosa da cui non si può prescindere, anzi… Le applicazioni di Realtà Virtuale toccano tutti gli ambiti del sapere e promettono di rivoluzionare ogni aspetto dell’esistenza umana, dall’apprendimento all’intrattenimento, dalla medicina al business. Se il Nord America e l’Asia stanno da tempo facendo i conti con questa nuova disciplina, l’Europa (nello specifico l’Italia) è in netto ritardo ancora in ritardo rispetto ai paesi più industrializzati. VRUMS intende proprio colmare questa lacuna con una proposta innovativa e promettente che si articolerà su tre principali cardini: formazione e centro di ricerca, team building e intrattenimento. 

Chi volesse avere maggiori informazioni:

leggi anche l’articolo —> “I wish I was like you”: a Roma rivive il mito di Kurt Cobain

Seguici sul nostro canale Telegram

Claudio Lippi aggredito a Roma: «Ho temuto di prendermi una coltellata!»

Il Santo del giorno 25 ottobre: San Crispino e San Crispiniano