in

WhatsApp è di nuovo gratis, addio abbonamento annuale da 89 centesimi

Stavi per convincere tutti i tuoi amici a cambiare chat di messaggistica istantanea, magari a favore di Telegram, l’app gratuita inventata nel 2013 dai fratelli Nikolai e Pavel Durov? Forse la novità di queste ultime ore potrebbe farti cambiare idea visto che la famosa chat, acquistata due anni da Facebook, è diventata gratuita per tutti gli utenti iscritti.

Non si tratta di uno scherzo ma di una comunicazione di servizio da poco pubblicata sul blog dell’applicazione; la famosa tassa di 89 centesimi è stata infatti eliminata definitavamente:

Quasi un miliardo di persone in tutto il mondo di oggi si affidano a WhatsApp per rimanere in contatto con i loro amici e familiari […]. Per molti anni, abbiamo chiesto ad alcune persone di pagare una tassa per l’utilizzo di WhatsApp dopo il primo anno. Siamo cresciuti e abbiamo scoperto che questo approccio non ha funzionato bene. Molti utenti WhatsApp non dispongono di una carta di debito o credito ed erano preoccupate di perdere contatto con i loro amici e familiari dopo il primo anno. Così nel corso delle prossime settimane, rimuoveremo la tassa dalle diverse versioni della nostra app e WhatsApp non sarà più a pagamento […]. Naturalmente, la gente potrebbe chiedersi come abbiamo intenzione di mantenere WhatsApp attivo senza commissioni di sottoscrizione e se l’annuncio di oggi significa che stiamo introducendo annunci di terze parti. La risposta è no. A partire da quest’anno, metteremo alla prova nuovi strumenti che consentiranno di utilizzare WhatsApp per comunicare con le imprese e le organizzazioni. Questo potrebbe significare la comunicazione con la vostra banca sul fatto che una recente operazione è fraudolenta, o con una compagnia aerea su un volo in ritardo. Riceviamo tutti questi messaggi altrove oggi – attraverso sms e telefonate – così vogliamo testare nuovi strumenti per rendere questo più facile da fare su WhatsApp, pur offrendo una esperienza senza annunci di terze parti e spam.”

Le news sull’app negli scorsi mesi non sono state molto confortanti. Le truffe intercettate dalla polizia postale si sono infatti susseguite fino all’ultimo mese di dicembre. Le novità del 2015 sono state tante, a partire delle nuove emojii della versione 2.12.373(e di quelle precedenti tra cui anche il dito medio), alla possibilità messa a disposizione degli utenti di archiviare su Google Drive le conversazioni in chat e la nuova funzionalità disponibile su per iOS 9 che permette agli utenti di contrassegnare i messaggi importanti.

Photo Credit: Shuttertock.com

angelina jolie 2016, angelina jolie malata, angelina jolie magra, angelina jolie malata, angelina jolie kung fu panda 3,

Angelina Jolie davvero magra all’anteprima di Kung Fu Panda 3: la preoccupazione dei media

ergastolo a carlo lissi

Delitto Motta Visconti: ergastolo a Carlo Lissi, sgozzò moglie e figli