in

WhatsApp web login pc news: dopo gli attentati a Parigi, virus e truffe si moltiplicano

Su WhatsApp le catene di Sant’Antonio sono all’ordine del giorno, tanto che a volte possono risultare fastidiose persino se inviate dai nostri amici più stretti. Non è una novità poi che in concomitanza di eventi tragici e festività, come gli attacchi terroristici a Parigi, il tam tam sui social network e in chat diventa sempre più vivace.
La bufala che da qualche giorno sta facendo impallidire i dispositivi connessi a WhatsApp riguarda gli atti perpetrati dall’Isis contro la Francia.

Il messaggio o l’e-mail incriminata ha infatti per oggetto “On est tous Paris“, tradotto in italiano “Siamo tutti a Parigi“, e sarebbe veicolo efficace di un pericoloso virus. La conferma sulla pericolosità del malware arriverebbe dal profilo ufficiale gestito dalla Polizia di Stato e dal Ministero dell’Istruzione, ‘Una vita social‘.

Sullo stessa pagina qualche ora fa è inoltre stato pubblicato un altro messaggio inerente le truffe che girano sulla famosa applicazione di messaggistica istantanea:
Vi riproponiamo l’avviso pubblicato qualche giorno fa riguardo al messaggio che in molti stanno ricevendo su #WHATSAPP.Vi invitiamo a seguire la guida di seguito illustrata.Ormai tutti viviamo in un mondo virtuale, difficile da comprendere per la sua stessa natura. I più utilizzano la tecnologia, ogni giorno, soprattutto per inviare messaggi istantanei attraverso l’applicazione di WhatsApp, sfruttando quanto più possibile quella serie di faccine che tanto ci piacciono, e che esprimono le nostre emozioni in modo plateale, divertente e diretto.Oggi proprio da qui parte la nuova truffa .Arriva un messaggio: Bellissime le nuove emoticon di WhatsApp. Le hai viste?. Cliccandoci sopra, il dispositivo in nostro possesso viene infettato ed entra stabilmente nel sistema operativo che invia ai nostri contatti il messaggio truffaldino. Una volta entrati nel nostro smartphone, accedono automaticamente ai nostri servizi a pagamento, attivandoli fino a prosciugare l’importo del nostro credito con cadenze settimanali e mensili.Per chi non lo sapesse: le emoticon si rinnovano solo con gli aggiornamenti. Nel caso vi siate imbattuti, vostro malgrado, in quest’imbroglio, niente paura. Potrete installare sullo smartphone un antivirus e contattare il gestore telefonico per verificare se si sia attivato qualche servizio a pagamento non richiesto esplicitamente da voi e chiederne la sua disattivazione.

Photo Credit: Shutterstock.com

Allarmeb bomba Roma

Falso allarme bomba a Roma: pacco sospetto vicino all’ambasciata USA

Andrea Loris Stival ultime notizie

Andrea Loris Stival ultime notizie a Chi l’ha visto?: la versione di Veronica Panarello è quella del programma?