in

Wi-Fi in pensione, il laser bianco di ASU apre le porte a una nuova connettività

L’arrivo del primo Laser bianco potrebbe portare un significativo cambiamento nell’ambito della connettività, dei display e dei proiettori. Nel 1960 per la prima volta ha avuto origine la tecnologia basata sul Laser e le sue applicazioni da quell’anno in avanti sono state molte. L’ostacolo maggiore per i ricercatori, però, è sempre stata la produzione della cosiddetta luce bianca.

I ricercatori della ASU, Arizona State University, sono riusciti ad aggirare questo scoglio grazie a un progetto basato su un altro lavoro datato 2011. Per arrivare alla produzione della luce bianca è stato infatti progettato un semiconduttore su nanoscala, in grado di operare su tutto lo spettro cromatico grazie a tre segmenti paralleli che hanno la facoltà di produrre luci di colore rosso, verde e blu. Con la capacità di modulare l’emissione in maniera indipendente questi tre colori sono in grado di riprodurre tutta la gamma di colori disponibili. In altre parole, quando tutti e tre i colori sono in uso, si produce il famoso Laser bianco.

Grazie a questo tipo di tecnologia siamo in grado di produrre un ventaglio più ampio di colori sui display, circa il 70% in più rispetto a ora e con una maggior precisione dei LED. Il Laser bianco può raggiungere anche la tecnologia Li-Fi, che consiste nell’utilizzo della luce per scambiare dati e informazioni attraverso la tecnologia wireless. Come vantaggi avremmo una maggior velocità e la possibilità di un’unica soluzione in termini di illuminazione e connessione rete. L’aumento delle prestazioni, grazie al Laser bianco, potrebbe raggiungere il 100%. Ovviamente i ricercatori della ASU sono ancora all’opera e non potremo disporre di questo tipo di tecnologia nel breve periodo.

Riforma pensioni 2015 news, atteso accordo su Opzione Donna, Esodati, ricongiunzioni gratuite e congedo parentale

amedeo andreozzi e alessia messina

Uomini e Donne gossip, Amedeo Andreozzi e Alessia Messina festeggiano 3 mesi insieme