in

William e Kate, alla tata dei figli George, Charlotte e Louis è stato proibito di pronunciare una parola: ecco quale

Deve essere una gran fatica lavorare a corte, soprattutto se si tratta di quella inglese che non soltanto in fatto di stranezze pare essere imbattibile, ma anche per il rigido protocollo da seguire. Chi entra a far parte della famiglia reale sa di cosa stiamo parlando, basterebbe già citare Meghan Markle, duchessa di Sussex, neo sposa del principe Harry, che a distanza di mesi fa ancora parecchia fatica. Le regole di etichetta devono comunque essere osservate da tutti, specialmente dallo staff di Buckingham Palace. La baby sitter, o meglio ancora, la tata dei principini George, Charlotte e Louis, figli di William e Kate Middleton lo sa bene. 

leggi anche l’articolo —> Kate Middleton, perché la piccola Charlotte non può indossare i pantaloni

Scelta tra tante candidate Maria Teresa Turriòn Borrallo, tata di origini spagnole, tra le più qualificate al mondo, ha solo 44 anni ma ha alle spalle tanta esperienza e ottime referenze, pensate che ha studiato presso il prestigioso Norland College, la scuola dove si sono formate tutte le istitutrici che sognano di allevare i giovanissimi aristocratici del Regno Unito. Probabilmente qui avrà imparato quali sono i compiti che spettano ad una governante, ma soprattutto quali sono le regole del protocollo da seguire. Alla tata è stato proibito, tra le tante cose, di non pronunciare una parola quando si rivolge ai piccoli George, Charlotte e Louis. Vale per lei, ma anche per tutti collaboratori. La parola proibita è «Bambini». La ragione è più semplice di quanto si possa pensare: chiamarli così darebbe l’impressione di sentirsi superiori a loro in quanto adulti.

Che fare dunque? Beh, a Maria Teresa Turriòn Borallo non resta che chiamare i piccoli uno alla volta per nome quando si rivolge a loro. Niente «Bambini», dunque! Come riporta “Il Giornale”: «La scuola ha vietato l’uso di questa parola perché può essere considerata come un segno di superiorità da parte dell’adulto, invece se viene utilizzato il nome di battesimo, si viene a instaurare una forma di rispetto, indipendente dai limiti di età!». Chissà cosa avrebbe detto Mary Poppins, la tata «praticamente perfetta sotto ogni aspetto» a riguardo… Ad ogni modo non si tratta di una fake news, a diffondere la notizia è stato El Confidencial, portale spagnolo. Il titolo dell’articolo è rimbalzato da un tabloid all’altro: «La palabra que la niñera de los hijos de Kate Middleton tiene prohibido pronunciar». Difficile che una notizia così curiosa passasse inosservata.

leggi anche l’articolo —> Giulia De Lellis, su Instagram senza veli: lo scatto fa impazzire i fan

marco vannini processo news 12 ottobre

Omicidio Marco Vannini: motivazioni sentenza Ciontoli, il perché della riduzione pena

Alessandro Neri giustiziato per un grosso debito? Clamorosa indiscrezione sul delitto di Pescara