in

Wim Kieft, la vita di una ex stella del calcio mondiale rovinata dalla cocaina

In questi giorni è uscito il libro “Kieft” che racconta la vita di un ex stella del calcio olandese, Wim Kieft, in cui egli stesso narra la sua vita dopo aver smesso di giocare. Stella mondiale del calcio anni’80: scarpa d’oro nel 1982, campione d’Olanda con Ajax e Psv e anche una lunga esperienza in Italia tra Pisa Torino, palmares di tutto rispetto: 6 eredivisie, l’europeo dell’88 con Van Basten, la coppa dei Camiponi sempre nell’88 con il PSV e più di 200 gol segnati in carriera. E ora? Kieft riassume la sua vita post-calcistica in 19 anni di tossicodipendenza, un matrimonio fallito, 4 figli, 400 mila euro di debiti con il fisco olandese, mezzo milione di euro di cocaina finito nelle sue narici e due tentativi di disintossicazione falliti.Kieft

“Chi vuol leggere di strip bar, folli corse notturne in auto e sesso con modelle ha sbagliato libro. Non c’è niente di selvaggio in un uomo solo in una camera d’albergo, con 4 bottiglie di vino e una montagna di coca”. Questa è l’introduzione che l’ex calciatore fa al suo libro, un inferno cominciato a 33 anni in una discoteca, la prima volta che ha provato la cocaina. Si descrive come uno timido, insicuro, depresso e pieno di paure, la coca inizialmente è stata una via d’uscita, così come l’alcool, fino a un certo punto. La storia è andata avanti fino al 2013 quando entrò in clinica per la terza volta, l’alcool però è ancora oggi un problema. “Oggi vivo con 20 euro al giorno, ma se ne avessi 100 li spenderei tutti.”

Questa è la triste storia di un uomo che ha raggiunto il massimo, diventato l’idolo delle ragazzine a 18anni, ha realizzato il sogno di migliaia di bambini, ma la sua vita è un monito per tutti quelli che pensano che è tutto oro quello che luccica. Molte volte i calciatori alla fine delle loro carriere, quando devono uscire da questo mondo che all’apparenza è tutto rose e fiori, si trovano di fronte la realtà che può essere molto più beffarda di quanto potessero pensare.

venezia accademia mostra hayez vedova

Venezia, Gallerie dell’Accademia: Disegni dell’Ottocento e del Novecento, da Hayez a Vedova

addio al pioniere del circo

Addio a Nando Orfei, pionere del circo italiano