in

Wimbledon 2019 Marco Cecchinato eliminato: perde i tre set con De Minaur

L’italiano Marco Cecchinato è stato eliminato dal giovane australiano Alex De Minaur. La partita si è conclusa pochissimi minuti fa dopo ben due ore e quattro minuti con un punteggio di 3 a zero. Una sconfitta che nessuno davvero si aspettava al primo turno di Wimbledon 2019. Un esordio difficile per Marco perché l’erba non è la sua superficie di gioco migliore. Per vedere le altre partite di tennis la diretta tv di Wimbledon 2019 è in esclusiva su Sky sui canali Sky Sport Uno (201) e Sky Sport Arena (204). Inoltre per tutti gli abbonati sarà possibile seguire anche i match in streaming con Sky Go su dispositivi mobili come PC, Tablet e smartphone.

Leggi anche –> Calciomercato Cagliari, Giulini su Barella: «Abbiamo chiuso con la Roma»

La partita di Marco Cecchinato

Marco Cecchinato ha esordito oggi, 2 luglio 2019, a Wimbledon 2019 contro Alex De Minaur con uno scontro su erba, una superficie non amata tantissimo dall’italiano. Purtroppo Marco è stato eliminato da De Minaur con un risultato di tre a zero. Una partita sofferta sin dall’inizio per Cecchinato. Tre set davvero complicati per Cecchinato che non è riuscito ad esprimere al meglio il suo talento. I due  si erano già sfidati due volte in carriera. La prima volta nel primo turno dello scorso Wimbledon, con vittoria dell’australiano in quattro set. La seconda volta  agli Internazionali d’Italia, con la vittoria di Marco al terzo set. Al momento anche l’italiano Matteo Berrettini sta sfidando Aljaz Bedene. Anche Matteo è in grosse difficoltà, ma la partita è ancora lunga e tutto e possibile.

Chi è Cecchinato?

Marco Cecchinato è nato a Palermo il 30 settembre del 1992 ed è un tennista italiano. Ha 26 anni, è alto 185 cm e pesa 78 Kg. Marco è stato un semifinalista al Roland Garros 2018 e il terzo italiano a essersi spinto così avanti in un torneo del Grande Slam nell’era Open. Il suo allenatore è Uros Vico. Cecchinato ha iniziato a giocare a tennis a 6 anni e da allora non si è più fermato. Nel marzo 2010 ha disputato il suo primo incontro da professionista nelle qualificazioni del Challenger di Caltanissetta perdendo contro Martín Alund. Nel 2016, il capitano della nazionale italiana Corrado Barazzutti lo ha convocato per la prima volta in occasione della vittoriosa sfida di Coppa Davis contro la Svizzera. Marco nella sua carriera ha conquistato 3 titoli ATP in altrettante finali disputate e il suo miglior piazzamento nella classifica mondiale è il 16º, raggiunto il 25 febbraio 2019.

Leggi anche –> Milan fuori dall’Europa League: si riaccende il sogno del Torino

Paolo Conticini Instagram, in costume è un vero macho: «Che capolavoro!»

Calciomercato Juventus: probabile ritorno di Claudio Marchisio