in ,

World Childhood Foundation: Margherita Zanatta inviata speciale per Urban Post

Ecco un reportage d’eccellenza per gli amanti dei gossip e delle feste da favola realizzato da Margherita Zanatta, in perfetto stile “zanattiano”.
“Ok ok… Avevo concluso la mia ultima Urban Post Mission con “impossibile… A chi?!” . Siamo arrivati a Venezia, ci siamo intrufolati alla Ciak Night…ma arrivare alla Regina di Svezia era decisamente fuori da ogni mia aspettativa! Sabato mattina- sveglia il più tardi possibile, della serie “dormiamo come non ci fosse un domani!” finché il domani ha bussato alle porte prima del previsto e in maniera del tutto inaspettata! Whatsappata del mio super amico Matteo Osso: “stasera facciamo del bene…. Serata di gran galá di beneficenza a Palazzolo Sull’Oglio per la World Childhood Foundation“. Faccio un rapido “mea-culpa” per l’ignoranza e vado su Safari ad informarmi: “La World Childhood Foundation è stata creata nel 1999 dalla Regina di Svezia con lo scopo di proteggere i bambini abusati e sfruttati con particolare attenzione alle esigenze delle ragazze e delle giovani madri” .

childhood zanatta

arcuri festa

belen arcuri belen festa belen rodriguez laura barriales margherita zanatta felice margherita zanatta fidanzato margherita zanatta festa margherita zanatta zanatta childhood zanatta e arcuri zanatta party

Non c’erano dubbi. Elimino ogni altro impegno che improvvisamente era diventato superfluo: una causa troppo importante per permettersi di non andare! Erano le 13.30 e ancora non avevo un abito adatto e vi risparmio i dettagli sui capelli post serata del venerdi. Le opzioni erano due: sperare in un miracolo a ciel sereno o farsi prestare un abito in fretta e furia e supplicare il mio Dio dei capelli di trovare un buco per me. Beh: ho optato per la seconda! Luisa Beccaria mi ha concesso di sentirmi Cenerentola per una sera con un abito da sogno, Max ha pensato a domare la mia chioma. Nel suo salone, seduta a fianco a me, una splendida ragazza dall’accento spagnoleggiante  chiedeva un raccolto elegante per una serata molto importante di cui era madrina. La ragazza in questione e’ Laura Bariales, la serata era la mia e nonostante il mio carattere particolarmente chiuso ed introverso sono riuscita a scambiare due chiacchiere: adorabile lei e delizioso anche il suo compagno che parla solo inglese.

Ore 17.55: pronta! Pronta fisicamente ma ancor di piu’ a sostenere una causa come questa. In macchina con me e con il driver trovo una ragazza dal sorriso dolce e gli occhi felici “Ciao piacere, sono Federica! Fammi togliere i tacchi subito che non fanno per me” e’ stato amore a prima vista! Mi parla di suo marito, un certo “Nocerino“…ma quando mi decidero’ a seguire il calcio io?!?! Che vergogna. Mai stata a Palazzolo sull’Oglio. Una corte medievale, deliziosa. La serata si teneva a Palazzo Duranti-Marzoli. Ho percorso una lunga scalinata per poter accedere al cortile interno dove VIP e non alternavano chiacchiere a bicchieri di ottimo vino e prelibatezze culinarie per stuzzicare l’appetito. Non vi dico la voglia che avevo di gettarmi sui fritti: ma l’abito non me l’ha concesso. A stento riuscivo a respirare! Anzi: ho dovuto trattenere le risate più volte onde evitare che mi si strappasse l’abito.
Detto cio’, dopo una buona ora in piedi sui nostri tacchi vertiginosi (se becco chi ha inventato i sanpietrini gliene dico quattro) ci hanno fatto sistemare ai tavoli all’interno di un altro cortile adiacente. Margherita Zanatta: tavolo 514. Belen, Manuela Arcuri, Elena Santarelli, Federica Fontana, Ana Laura Ribas, Giacomo Urtis, Gabriele Parpiglia (che ho trovato in splendida forma), Paolo Ruffini e tanti altre stavano al tavolo davanti al palco e dalla parte opposta rispetto a me: non sara’ mica questo a bloccarmi,vi pare?! A condurre la serata tra una portata e l’altra Massimo Lopez spalleggiato dalla mia nuova “amica per i capelli” Laura Bariales in un principesco abito giallo vivo: proprio bellissima. Belen mi ha salutata come sempre (molto dolce) , Manuela col suo illuminante sorriso contagioso mi ha abbracciata forte e si e’ fatta uno scatto con me da mandare al  fratello (ragazzo super simpatico Sergio! Gran risate). Cavolo ragazzi: non saprei dirvi chi sia più bella fra tutte.
Frattanto l’Asta di beneficenza ha preso vita grazie alla simpatia coinvolgente di Paolo Ruffini. Può sembrare assurdo associare cifre che superano i 1000 euro a magliette di calciatori, borsette di Mia Bag, cuffie della Pellegrini. Ma basta fermarsi un attimo e osservare il braccialetto che portiamo al polso: Childhood, il vero motivo per cui siamo lì, e tutto ha un senso! Una torta degna dei migliori Cake-designer ha separato il momento dell’Asta da quello della Lotteria. Come sempre non ho vinto nulla (dopo 30 natali passati in casa Zanatta a perdere a tombola e mercante in fiera dovrei essermene fatta una ragione!). Aspettavo con ansia il discorso della Regina di Svezia Silvia: ma i numerosi impegni non le hanno permesso di presenziare; il principe, pero’, l’ha sostituita in maniera eccelsa: un grazie all’ interprete senza la quale saremmo rimasti tutti con un sorriso da ebeti stampato in faccia! Un filmato forte e vero ci ha scaldato i cuori e ricordato quanto siamo fortunati e quanto possiamo fare per tutti coloro per i quali la vita non e’ stata cosi buona. A riempire i silenzi ci ha pensato Paola (o Chiara?!?) di Paola&Chiara. C’era la sorella coi capelli scuri: molto brava devo dire! Ho saputo che si sono separate: arrivo sempre tardi a sapere a sapere queste notizie.
Belen, avvolta nel suo pizzoso abito nero e resa ancor piu’ bella (se cio’ potesse mai esser possibile) da un’acconciatura fantastica-coda alta super-tirata e treccia – ha lasciato la sala insieme alla Santarelli e alla Fontana. La Bariales, la Ribas, la Arcuri e gli altri si sono trattenuti ancora un po’. Una serata importante a cui noi, di Urban Post, non potevamo mancare. Sulle note coinvolgenti di Paola Maugeri ho ringraziato e mi sono diretta verso casa: la carrozza ritorna zucca a mezzanotte ed era gia’ l’una e mezza. Rientrata a Milano prima cosa che faccio e’ levare i tacchi e mettere le gambe sollevate: piedi gonfi manco fossi incinta! Sua maestà, Margherentola torna alle faccende di tutti i giorni. Peccato che le pantegane milanesi non si trasformino in aiutanti miracolosi! Quasi quasi provo a chiamarle Giac e Gas-gas e a vedere che succede.”

Seguici sul nostro canale Telegram

La Gabbia

Domani prende il via “La Gabbia” condotto da Gianluigi Paragone

Claudia D'Agostino

Anticipazioni Uomini e Donne: i nomi dei tre tronisti