in , ,

X Factor 2016, Grace Cambria: “Vi racconto la mia esperienza, grazie Rihanna” [INTERVISTA]

Il giovedì è X Factor 2016. Questa sera, 27 ottobre 2016, prenderà il via i Live Show: tanta carne al fuoco con Alessandro Cattelan e i quattro nuovi giudici pronti a calcare il palco di Milano. Non ci sarà, tra i dodici finalisti, Grace Cambria, artista catanese presente alla decima edizione del talent show in qualità di Under donna. Fedez, giudice della categoria, ha optato per altre scelte durante gli Home Visit. Grace, così, non potrà ammirare da vicino Marco Mengoni o Robbie Williams, due dei principali ospiti presenti a X Factor 2016 questa sera. L’aspirante artista catanese, contattata dalla redazione di UrbanPost.it, si è raccontata svelando quali sono state le sue emozioni durante l’esperienza di X Factor 2016 e per chi farà il tifo adesso. E la sua musa ispiratrice, la pop-star Rihanna.

 >>> COME ACQUISTARE I BIGLIETTI DI X FACTOR 2016<<<

Dalle audizioni agli Home Visit, qual è stata la tua esperienza a X Factor?
È stato sicuramente un percorso che resterà impresso nella mia mente ma spero che sia solo l’inizio di una futura carriera. Grazie a X-Factor sono riuscita a portare la mia passione davanti ad un pubblico così immenso. Sono stati attimi pieni di adrenalina, paura, felicità. Ho conosciuto persone fantastiche, compagne di squadra che si sono rivelate sorelle, i giudici, la redazione stessa. Ho cantato davanti a gente davvero importante nel mondo dello spettacolo. Ma l’emozione più bella me l’ha data il pubblico: ricevere tutti quei messaggi da persone che non conoscevo mi ha reso la persona più felice del pianeta, mi ha dato la giusta forza per credere nel mio sogno ed impegnarmi sempre di più. Ringrazio anche le persone che più mi sono state vicine durante questo percorso aiutandomi a credere in me stessa.”

Quale performance ti ha soddisfatto maggiormente?
“In realtà, sia la prima audizione che i bootcamp. La prima, oltre a legarmi alla mia passione verso Rihanna, mi ha davvero trasmesso tanto. Per la prima volta ero su quel palco e non c’era altro posto dove volevo stare.  La seconda è stata l’esibizione che più mi ha emozionato: suonare il cajon per la prima volta davanti ad un pubblico e scegliere proprio il palco di X-Factor è stato un bel rischio, ma il più bello di tutto il percorso.”

Ti aspettavi di andare a casa dopo essere arrivata agli Home Visit?
“Inutile dire che speravo di arrivare ai Live. Ma fino all’ultimo non sono stata convinta della scelta del brano, era la mia giornata no in tutti i sensi. Devo dire che un po’ mi aspettavo l’esito finale, ma sono contentissima lo stesso di essere arrivata fino a questo bellissimo traguardo.”

Secondo te, chi vincerà?
“Io spero vinca la mia categoria, quindi forza Fedez e forza under donne.”

Hai seguito il caso Jarvis? Tu eri a conoscenza del regolamento?
“Non ne ero a conoscenza perché il contratto viene firmato solo dopo l’accesso ai live. Però ho seguito il caso Jarvis, ed ho saputo cosa è successo attraverso i social.”

Adesso cosa farai?
“Continuerò a vivere di musica e seguire il mio sogno. Non ho nessuna intenzione di arrendermi. Nel frattempo continuo con la solita vita, studio musica, scrivo brani ed aggiorno la mia pagina Facebook per restare in contatto con chiunque abbia piacere nel seguire questo mio percorso canoro. Spero al più presto di poter dare qualche bella notizia per qualche lavoro o percorso futuro.”

A quale artista ti ispiri?
Senza alcun dubbio, Rihanna. È stata presente alla mia prima audizione e per tutto il tempo si è parlato solo di lei. Iniziai a seguirla nel 2005, con il suo primo singolo. Giorno dopo giorno, video dopo video, è diventata un’ossessione. La sua musica mi ha ispirato tanto nel mio percorso canoro e le devo davvero tanto. Spero un giorno di poter trasmettere alla gente quello che lei riesce a trasmettere a me con la sua musica, questo è il mio obiettivo.”

catturati detenuti evasi

Roma, 3 evasi dal carcere di Rebibbia: è caccia all’uomo in tutta Italia

Terremoto Centro Italia, donna partorisce in auto a Perugia dopo la seconda scossa