in ,

Yara Gambirasio: malore in carcere per Bossetti, solidale il parroco di Brembate

Lieve malore in carcere per Massimo Giuseppe Bossetti, il presunto assassino di Yara Gambirasio. Secondo quanto riportato da L’Eco di Bergamo, durante la mattina del 21 giugno, l’uomo avrebbe accusato una leggera tachicardia, dovuta al forte stress degli ultimi giorni. Il malore di Bossetti non ha comunque richiesto l’intervento del 118 ma, in seguito agli accertamenti sanitari, pare sia stato disposto che l’uomo venga spostato il meno possibile. Bossetti ha trascorso l’ultima settimana in regime di isolamento.

yara gambirasio killer

Intanto, parole di solidarietà nei confronti di Massimo Bossetti e della sua famiglia da parte del parroco di Brembate, don Corinno Scotti. “Spero che non sia lui perché è un papà”, ha detto il parroco rivolgendosi ai fedeli durante la messa celebrata stamattina. “Quando pensiamo a un omicida, pensiamo a una persona feroce. Qui siamo in presenza di una persona normalissima, padre di tre bambini, oso sperare che non sia lui”, ha continuato don Corinno Scotti.

Durante l’omelia, il parroco di Brembate ha anche raccontato della conversazione con i genitori di Yara Gambirasio, avvenuta nei giorni scorsi subito dopo il fermo di Bossetti. “Dì di pregare per la loro famiglia, perché stanno soffrendo ancor più di noi“, sarebbero state le parole di Fulvio Gambirasio, padre della vittima, rivolte a don Scotti in riferimento alla famiglia di Bossetti.

Written by Rosaria Cucinella

Nata nella ridente Sicilia, 21 anni e tanta passione per la scrittura ed il giornalismo online. Amo la cucina, la primavera, i red carpet della gente famosa e i film d'azione. Mi piace la moda ma paradossalmente non amo seguirla: la lunaticità comanda anche il mio stile...

U.S. Soccer facebook

Mondiale 2014: Usa-Portogallo (Girone G) fattarelli e qualche curiosità

cuti-ring applicazione

Dita alla moda: pronti i cuti-ring, gli anellini per cuticole