in ,

Yara Gambirasio, Massimo Bossetti e l’epistassi che spiegherebbe il Dna sulla vittima

Continua a difendersi dal carcere Massimo Giuseppe Bossetti, presunto assassino di Yara Gambirasio il cui dna corrisponde con quello di “Ignoto 1” trovato sul corpo della vittima. Il muratore di Mapello ha provato a fornire la sua spiegazione sul perché il suo dna si trovasse proprio sui leggins della ragazzina di Brembate Sopra, continuando comunque a dichiararsi innocente: sarebbe tutta colpa dell’epistassi di cui soffre fin da giovane, come confermato dalla moglie Marita Comi.

omicidio Yara

Su Yara c’era il mio dna perché perdo sangue, soffro di epistassi. Se il Dna è mio, ma io non c’entro, può darsi che qualcuno abbia usato i miei attrezzi, o si sia sporcato sul cantiere”, ha dichiarato Massimo Giuseppe Bossetti dinanzi agli inquirenti, secondo le indiscrezioni raccolte da Repubblica. Secondo il muratore questa sarebbe l’unica spiegazione al caso, parlando inoltre di un furto di attrezzi di cui egli sarebbe stato vittima prima dell’omicidio di Yara Gambirasio. Una livella elettronica, un distanziatore, una bindella e due scalpelli, di cui uno a punta acuminata, sarebbero stati sottratti al muratore dal furgone con il quale si recava in cantiere.

Una spiegazione apparentemente logica quella di Bossetti, che però dovrà essere valutata dagli inquirenti. Intanto, i legali dell’indagato hanno dichiarato di voler provare a dimostrare l’innocenza di Massimo Giuseppe Bossetti in aula fino all’ultimo, appellandosi alle dichiarazioni di convinta innocenza del muratore e alle ipotesi da lui avanzate sulla presenza del dna sulla vittima. Al momento, l’unica certezza inconfutabile resta proprio la prova del Dna, che potrebbe però non essere sufficiente qualora le ipotesi di Bossetti risultassero verosimili.

Written by Rosaria Cucinella

Nata nella ridente Sicilia, 21 anni e tanta passione per la scrittura ed il giornalismo online. Amo la cucina, la primavera, i red carpet della gente famosa e i film d'azione. Mi piace la moda ma paradossalmente non amo seguirla: la lunaticità comanda anche il mio stile...

Bellezza e salute legame

Bellezza e salute: la scienza dice che c’è un legame

Sandra Bullock

Missione Marte dell’India costa meno del film “Gravity”