in ,

Yara Gambirasio, svolta dna: si conosce il padre dell’assassino

Le lunghe e intricate indagini per l’omicidio di Yara Gambirasio, la 13enne di Brembate di Sopra scomparsa il 26 novembre del 2010, pare siano giunte ad una svolta. L’unica pista da seguire per risalire all’omicida, in assenza di testimoni oculari che potessero aiutare gli investigatori a delineare un approssimativo identikit dell’assassino, era -ed è- quella di passare in rassegna i tabulati telefonici per risalire alle persone che quella sera si trovavano a passare nell’area in cui la piccola fu prelevata e da lì, poi, dopo una minuziosa ed interminabile scrematura, discernere i profili genetici in qualche modo riconducibili alle dinamiche della sparizione della ragazzina, e alle tracce ematiche riscontrate sul suo cadavere. Giuseppe Guerinoni

A rendere ancora più complicate queste indagini, il fatto che Yara sia stata ritrovata solo accidentalmente tre mesi dopo la scomparsa, abbandonata in un campo a qualche miglia dalla palestra da cui usciva quel maledetto 26 novembre. Il cadavere riportava qualche traccia ematica, offrendo agli investigatori l’unico elemento per risalire alla verità. Un lavoro certosino, questo, che aveva ristretto la cerchia dei profili sospettati, concentrandosi su quello di Giuseppe Guerinoni, l’autista di Gorno, in provincia di Bergamo, scomparso nel 1999. E ora si ha conferma: le tracce di dna trovate sugli slip di Yara sono compatipibili con il dna di Guerinoni.

L’umo, secondo gli inquirenti, avrebbe avuto un figlio illegittimo negli anni Sessanta. Figlio che sarebbe appunto l’omicida di Yara e che, stando alla ricostruzione peritale, si sarebbe tagliato con un taglierino lasciando tracce di sé sulla vittima. Un grande passo avanti è stato fatto, e ora gli inquirenti dovranno trovare il giovane sottoponendo al test del dna 700 donne bergamasche che hanno soggiornato almeno una volta a Salice Terme, la località dove ogni anno era solito recarsi Guerinoni.

Seguici sul nostro canale Telegram

È fantascienza: entro 5 anni protesi comandate col pensiero

anticipazioni una grande famiglia

Una grande famiglia 2: Stefania Rocca rimpiange i battibecchi con Stefania Sandrelli