in

Yoga: rilassarsi con 5 posizioni

Per rilassarsi lo yoga è una pratica vincente. Greenstyle suggerisce 5 posizioni che possono aiutare sia il corpo che la mente a trarre ottimi benefici di relax. Vediamo quali sono grazie ai preziosi esempi dettagliati forniti.

5 posizioni

– “La prima posizione è la Anjali Mudra, una delle più semplici e adatta anche ai principianti. Occorre innanzitutto sedersi con le gambe incrociate e unire le mani facendo combaciare i rispettivi palmi (dita allungate, ma strette tra loro) in prossimità del cuore. Respiri lenti e profondi aiuteranno a rilassarsi, così come il chiudere gli occhi pensando a immagini che ricordino emozioni positive. L’obiettivo è di portare verso l’equilibrio; – Seconda posizione è la Sukhasana. Nota anche come “Posizione semplice”, rispetto alla posizione precedente varia la posizione delle braccia, mentre immutate sono quelle del busto e delle gambe. Il passaggio a questo secondo esercizio è quindi molto semplice, basterà portare ciascuna delle mani sul corrispondente ginocchio, palmo in alto. Mantenere la schiena dritta per almeno 60 secondi, ricordandosi sempre di respirare con dolcezza e cercare la massima concentrazione sul proprio percorso meditativo. Benefici gli effetti non soltanto per quanto riguarda lo stress e l’ansia, ma anche per la salute della colonna vertebrale oltre ad alleviare la stanchezza fisica e mentale.

La terza posizione prende il nome di Marjaryasana. Ricorda molto la postura assunta dai felini, tanto che viene anche definita “Posizione del gatto”. Partendo carponi si tengono le ginocchia e i palmi delle mani a terra, inarcando la schiena verso l’alto e orientando la testa verso il basso. I polsi dovranno trovarsi in corrispondenza delle spalle mentre le ginocchia si troveranno allineate con i fianchi. Gli effetti prodotti sono di un leggero massaggio alla colonna vertebrale e agli organi interni dell’addome, con un potente effetto antistress e un benefico aiuto in particolare per il tratto digerente; Quarta posizione che prende invece il nome di Bitilasana o “Posizione della mucca”. Anche in questo caso il passaggio di posizione è molto semplice e basterà invertire l’arco disegnato dalla schiena per eseguirla. Il busto sarà piegato in questo caso verso il basso mentre la testa risulterà in alto. Serve a calmanre i nervi, a riequilibrare le emozioni e a favorire il benessere degli organi addominali, dei reni e delle ghiandole surrenali.

– Uttana Shishosana è il nome della quinta posizione, nota anche come “Posizione del cucciolo disteso”. Si pratica ginocchia a terra, fianchi leggermente arretrati rispetto a queste ultime, con le braccia e il busto del tutto distesi in avanti e poggiati a terra. Utile soprattutto in caso di stress cronico e insonnia, risulta molto utile per allungare la schiena e tonificare l’organismo.”

Provette vaiolo dimenticate

Maryland, provette virus vaiolo dimenticate in frigo: erano lì dagli anni ’50

tutti i segreti della dieta Lemme

Dieta Lemme: tutti i segreti