in ,

Zenzero e Ginseng: proprietà, benefici e differenze

Zenzero e Ginseng sono due tra i rimedi naturali più utilizzati al mondo; entrambi di origine orientale, sono da sempre ingredienti fondamentali della medicina tradizionale cinese. Da anni ormai sono arrivati anche in Occidente come rimedi omeopatici per malanni di stagione e vari disturbi. Perfetti per tisane serali e bevande calde ma anche utilizzati per aromatizzare la cucina, queste due radici sono però alquanto diverse nelle loro proprietà.

Se da una parte lo zenzero è più adatto ad aiutare il fisico a combattere le infezioni e con le sue proprietà antiossidanti fa bene al sistema immunitario contro i malanni di stagione, dall’altra il ginseng è famoso per le sue proprietà rigeneranti e rivitalizzanti: è infatti consigliato per rimettersi in forze dopo l’influenza. Lo zenzero inoltre pare avere grandi benefici anche su chi vuole perdere peso mentre il ginseng aiuta contro lo stress e quando si ha la mente affaticata.

Entrambe radici carnose di piante tipicamente orientali, lo zenzero è commestibile anche a pezzetti, è utilizzato per aromatizzare in cucina ed è perfetto per bevande calde e tisane con altri ingredienti di erboristeria. D’altra parte invece il ginseng è più tipicamente utilizzato per bevande calde, infusioni e tisane e da qualche hanno in Occidente è utilizzato per aromatizzare un particolare tipo di caffè.

Credit Foto: Kerdkanno / Shutterstock

Governo 2018

Smart Working, legge e definizione: come cambia il lavoro nella Pubblica Amministrazione

massimo bossetti motivazioni sentenza appello

Caso Yara processo: oggi udienza su Dna, consulente Bossetti parla di “errore”