in

10 cose da sapere sui growshop

I negozi growshop sono una realtà consolidata anche nel nostro Paese. Questo settore emergente, risultato di una ferrea campagna di sensibilizzazione circa i benefici apportati dalla cannabis a uso terapeutico, sembra designare una tendenza in forte crescita non solo nel presente, ma anche per il futuro. Nonostante la maggiore informazione, resa a portata di mano anche grazie alla proliferazione di questi negozi sul territorio nazionale, non tutti conoscono le caratteristiche di un growshop: un negozio specializzato dal margine di vendita ampio, che si spinge ben oltre la “cannabis light”.

Cos’è un growshop, cosa vende e come aprirne uno

Quello dei growshop è un settore in forte aumento. Le potenzialità di questi negozi, siano essi store fisici e/o online, risiede nei prodotti venduti al suo interno. Sebbene la cultura popolare sembri attribuire a questi negozi solo la vendita di cannabis legale con valori di THC consentiti dalla legge, un growshop è molto più di questo. La sua esistenza, infatti, fonda la sua ragione di essere sulla vendita di prodotti a base di canapa per uso alimentare, terapeutico e cosmetico, ma anche attrezzi per il giardinaggio, lampade LED, terricci, semi. 

Aprire un growshop sembra essere un’ottima possibilità di investimento. La proliferazione di questa tipologia di negozi ne è la chiara conferma. Tuttavia, l’apertura di un’attività di questo tipo richiede un preciso iter burocratico, che impone l’apertura di una partita IVA e la registrazione al Registro Imprese.

Quanto costa aprire un growshop, perché farlo e quali sono i margini di guadagno

Aprire un growshop richiede una spesa onerosa, almeno in teoria. Nella pratica, infatti, l’investimento dipenderà dal tipo di store che si vuole aprire (fisico o online), dalla location e dal costo della merce venduta. Sebbene i fattori che incidano sul costo di avvio attività siano variabili, l’apertura di un growshop che si occupi della vendita di articoli di vario genere, può sfiorare i 30.000 €.

Nonostante la spesa iniziale, il mercato dei growshop sta avendo attualmente forte successo. Grazie alla curiosità e alla maggiore consapevolezza, infatti, i consumatori di prodotti a base di cannabis legale sono in forte aumento. Sebbene sia impossibile fare una stima precisa, in media i guadagni di un growshop si aggirano intorno ai 20.000 € mensili.

I growshop sono legali? Perché hanno successo? Quale e come scegliere?

Una delle domande che più attanaglia i curiosi riguarda la legalità dei growshop. Questi esercizi commerciali sono legali. A dirlo è stata la Legge n° 242 del 2016, che ha autorizzato la nascita di questa tipologia di store, riconoscendo la possibilità di coltivare la cannabis leggera. 

Nel corso degli ultimi anni si è assistito all’apertura di molti store incentrati sulla vendita di prodotti a base di canapa. Il motivo principale è da ricercarsi nelle proprietà benefiche di un particolare principio attivo di questa pianta, il CBD.

Se sei curioso di provare qualche prodotto a base di cannabis e ti stai chiedendo come trovare il migliore growshop e cosa considerare nella scelta, la risposta è semplice. Per scegliere un growshop potrai avvalerti degli store fisici presenti nella tua zona o approfittare di quelli presenti in rete, leggendo le diverse recensioni online. Il miglior growshop, infatti, è quello che presenta un ottimo rapporto qualità – prezzo. Se desideri sperimentare diverse tipologie di prodotto, inoltre, dovrai puntare su un growshop specializzato nella vendita di una grande  varietà di prodotti.

Seguici sul nostro canale Telegram

Coltivazione indoor, usare un pannello Led per risparmiare energia

Sondaggi, la media di Termometro Politico: Fdi si rafforza, il PD sprofonda