in

23 maggio, Giornata della Legalità: un lenzuolo bianco contro la mafia

Il 23 maggio 2021 ricorre il 29esimo anniversario dalla strage di Capaci, in cui persero la vita Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo, e tre uomini della scorta. Esattamente 45 giorni dopo, il 19 luglio, fu ucciso l’amico e collega Paolo Borsellino assieme ai cinque agenti. La Fondazione Falcone, non potendo organizzare raduni nelle piazze italiane, ha lanciato una campagna social sui suoi canali Instagram e Facebook. Tantissime personalità note hanno accolto l’invito dell’associazione, invitando tutti i cittadini ad esporre sul proprio balcone o finestra un lenzuolo bianco.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Fondazione Falcone (@fondazionefalcone)

23 maggio Giornata della Legalità

Il 23 maggio è il giorno scelto per commemorare le vittime degli attentati mafiosi di Capaci e di via D’Amelio, avvenute rispettivamente il 23 maggio e il 19 luglio del 1992. Questa domenica l’Italia commemorerà quindi le vittime della mafia nella Giornata della Legalità. A Palermo, le celebrazioni vedranno la partecipazione del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Per portare la partecipazione anche sui social, la Fondazione Falcone ha lanciato gli hashtag #dicosasiamoCapaci #23maggio #PalermoChiamaItalia.

falcone borsellino 23 maggio

L’appello sui social

La Fondazione Giovanni Falcone ha lanciato un appello a tutti i cittadini: esporre un lenzuolo bianco fuori dalla propria finestra o balcone di casa. Numerosissime le personalità pubbliche che hanno rilanciato l’appello della Fondazione: ci sono Luciana Litizzetto ed Enrico BrignanoClaudio Gioè che parla dalla sua città, Palermo. Ma anche Ligabue, che ricorda l’importanza della memoria. E ancora Maurizio Costanzo, che di Cosa nostra si è occupato per anni anche mettendo a rischio la sua vita. Insieme a Lo Stato SocialeRenzo Arbore, Cristina Parodi, Pif, Francesco Gabbani, i siciliani Ficarra e Picone, il messaggio è uno: “Facciamo vedere a tutti, anche alla mafia, di cosa siamo Capaci”. >> Tutte le news di UrbanPost

Elisa Isoardi Matteo Salvini

Elisa Isoardi si racconta a “Venus Club”: “Matteo se sei così adesso chiamame!”

draghi stipendio

Draghi contro tutti: da Letta a Salvini nessuno gli dà tregua