in

8 consigli per guidare una Ferrari in pista

Le supercar del calibro di una Ferrari sono il sogno di molti automobilisti. Avendo un notevole costo, lo sfizio di poter sedere al volante di un simile bolide può essere difficile da assecondare se non concedendosi un giro in pista.

Questo è possibile purché si abbia ben chiara la modalità di guida di auto del genere.

Devi sapere infatti che sedersi alla guida di una Ferrari in pista non è come sedersi a quella di un’utilitaria in strada: sono tante le valutazioni da fare e gli aspetti da conoscere.

Per questo abbiamo stilato un elenco di consigli dedicati a chi intende provare a guidare una Ferrari in pista.

1. Fai un corso specializzato o torna a scuola guida

Per capire come funziona la guida in pista di una Ferrari occorre seguire un corso specializzato o fare una full immersion a scuola guida dedicata solo a questo tipo di auto.

Devi, detto in altre parole, prendere delle lezioni con istruttori professionisti che sappiano insegnarti tutto quello che c’è da sapere sui piloti professionisti e sulla loro capacità di gestire veicoli come la Ferrari.

Il tutto, tenendo sempre a mente che guida in strada e guida in pista sono due cose distinte e separate.

Pertanto al fine di imparare tutto ciò che occorre su come si sta al volante di una Ferrari in pista, il corso a cui ti iscrivi deve essere proiettato esclusivamente a questa tipologia di guida.

Come spiegano anche gli istruttori di Maranello, la guida in pista è differente in quanto volta a perfezionare e a personalizzare il proprio stile, a dosare bene la velocità in curva e a dosare altrettanto bene le frenate.

Dopo che avrai sviluppato le conoscenze giuste potrai provare a stare in pista da solo, effettuando l’esperienza di test drive di una Ferrari su pista in totale autonomia.

Scegli dove farti un giro e metti alla prova le conoscenze che hai sviluppato.

2. Comincia dai circuiti semplici

Per guidare una Ferrari in pista (soprattutto nel caso di un regalo giro in Ferrari) occorre cominciare con circuiti semplici, non troppo ostici e complicati.

Parti con rettilinei, sempre stando accanto ad un istruttore in modo tale che puoi correggere il tiro laddove necessario.

In fondo la pista è considerata lo strumento perfetto per migliorare il proprio stile di guida.

3. Dedica la massima concentrazione al volante

La regola di base per guidare la Ferrari in pista è mantenere la massima concentrazione.

Il pilota provetto deve saper dosare in maniera accurata l’accelerazione, premendo il piede sul pedale al momento opportuno, non deve avere distrazioni proprio perché sta conducendo un’auto differente.

4. Impara il funzionamento del cambio

Proseguendo in tal senso per guidare la Ferrari in pista devi anche imparare ad usare il cambio, che funziona in modo differente rispetto ad altre supercar o ad auto in generale.

Ricorda che per scalare le marce non è necessario frenare.

5. Ascolta il motore

È un consiglio che in genere si dà anche quando si consegue la patente classica, ma nel caso della Ferrari vale ancora di più: devi saper ascoltare il motore.

Questo serve a stabilire un ottimo rapporto con la supercar che guida.

Devi “sentire” i giri del motore, individuandoli ancor prima che si presentino sul contagiri. Dopodiché sarà tutto in “discesa”.

6. Sviluppa una guida equilibrata

La Ferrari è la Ferrari, ha un valore aggiunto e gli amanti delle auto lo sanno. In particolare i modelli di ultima generazione sono stati pensati per essere guidati e gestiti in tutt’altra maniera, complice anche la grossa cilindrata.

Questa vettura risponde ai comandi un momento prima che vengano trasmessi gli input dalla centralina, ma ciò non pregiudica la facilità di guidarla. Detto più semplicemente occorre barcamenarsi tra una guida strutturata e una guida semplice, così da consentire alla Ferrari di funzionare nel modo più equilibrato possibile.

In pista inoltre, la guida è lenta ma decisa, alternata tra tratti rettilinei e curve: per cui occorre imparare a dosare l’accelerazione, affinché sia progressiva ma scattante allo stesso tempo.

7. Impara a conoscere i requisiti dell’auto

Se vuoi guidare in pista una Ferrari proprio come farebbero i piloti di Maranello, allora devi studiare l’auto, la sua struttura e conoscere ogni suo più piccolo e apparentemente irrilevante requisito.

Rispetto ad altre auto, questa supercar ha delle caratteristiche tutte sue che vanno valutate in particolare dai piloti inesperti, onde evitare di provocare danni (all’auto) o di mettere a repentaglio la propria incolumità con una guida assolutamente sbagliata.

8. Dosa potenza e velocità

Due tra gli elementi che contraddistinguono una Ferrari sono la potenza e la velocità, le quali non rendono sufficiente per il pilota provetto l’avere una patente o l’avere già esperienza come automobilista.

Questa supercar riesce a dare il massimo delle sue prestazioni in una manciata di istanti: basti pensare che nel giro di pochi secondi una Ferrari è in grado di passare con un’accelerazione fulminea da 0 a 100 chilometri orari, fino a superare i 200 chilometri orari nell’arco di una decina di secondi.

Se la potenza e la velocità raggiungono il massimo del loro valore in poco secondi, il pilota deve imparare a dosare potenza e velocità, non solo attraverso il cambio delle marce, sia in ascesa che in scalata, ma anche mantenendo fermezza e prontezza al volante.

Seguici sul nostro canale Telegram

Server housing: i vantaggi per le aziende

Divano letto con materasso 21 cm: perché sceglierlo