in

Alessandro Borghese: «Mancanza di sostegno da parte dello Stato, così resisto un altro mese»

In un’intervista a ‘Il Corriere della sera’, rilanciata dall’Huffington Post, Alessandro Borghese, chef e personaggio tv, commenta la crisi della ristorazione. «Permettere ai clienti di sedere allo stesso tavolo solo se conviventi è una stupidaggine», ha detto il 43enne, preoccupato per la chiusura dei locali a causa del coronavirus. «L’assenza dello Stato sta radendo al suolo la ristorazione italiana. Non solo manca sostegno economico a un settore che è il fiore all’occhiello del Paese, ma anche le regole per iniziare a progettare la ripartenza non ci sono», ha dichiarato il conduttore di ‘Alessandro Borghese – 4 Ristoranti’, appuntamento del giovedì sera atteso dai telespettatori.

alessandro borghese

Alessandro Borghese: «Mancanza di sostegno da parte dello Stato, così resisto un altro mese»

Il lockdown ha indebolito anche lui, Alessandro Borghese, che gestisce una nota attività di catering, un’agenzia di consulenza, un pastificio e anche un suo ristorante a Milano, “Il lusso della semplicità”, protagonista della puntata pilota dell’ultima serie dello show culinario in onda su Sky. «Ora siamo fermi. È tutto chiuso. E sto anticipando l’assegno della cassa integrazione ai miei 64 collaboratori: non potevo permettere attendessero mesi prima dell’arrivo dei fondi a causa della burocrazia. Ma così non si può resistere a lungo. Un altro mese. Se le cose non si smuovono dovrò decidere cosa fare con il personale, le spese d’affitto e le bollette. Ma è un’evenienza in cui spero di non dovermi trovare…», ha confessato lo chef, che non ha nascosto le sue ansie per il futuro.

alessandro borghese

«Servirebbero finanziamenti a fondo perduto»

Preoccupato non tanto per sé, quanto per gli altri: gestori di piccoli ristoranti, pub, bar e locali che stanno risentendo dell’emergenza Covid-19. «Servirebbero finanziamenti a fondo perduto, anche perché ci vorrà tempo prima che i ristoranti tornino a riempirsi. Mancano appena tre settimane e non ci sono ancora le regole d’ingaggio, anche solo per capire quanto costerà far ripartire le attività. Qualche esempio? Sanificare un locale da 300 metri quadrati costa tra i mille e i 3 mila euro. Ogni quanto sarà necessario farlo? E, poi, come dovranno essere allestiti i locali? Non saperlo rende impossibile pianificare e non si potrà improvvisare, ne va della salute dei clienti e dei lavoratori», ha dichiarato Alessandro Borghese, che ha espresso le sue perplessità sulle nuove norme. Il distanziamento sociale preoccupa il 43enne: «Se sarà di due metri il mio ristorante passerà da 95 coperti a 65. Ancora sostenibile. Se dovesse essere di più dovrò ripensare del tutto l’attività e in qualche maniera farò, ma tantissimi ristoratori non saranno nelle condizioni di riaprire». leggi anche l’articolo —> Alessandro Borghese ‘4 Ristoranti’ nuova stagione: «Sarà l’ultima? Beh, dopo quest’apocalisse…»

 

 

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

ultimi sondaggi politici

Ultimi sondaggi politici, Ixè: le percentuali dei partiti ad oggi

silvia romano

Silvia Romano news, parla lo zio: «Musulmana perché costretta, l’avranno anche drogata» (AUDIO)