in

Civitavecchia, anziani legati ai letti e imbottiti di psicofarmaci nella casa di riposo: 17 indagati

16 giugno 2021 – Civitavecchia, orrore in casa di riposo. Sono 17 gli indagati tra infermieri e operatori soci-sanitari per aver lasciato i degenti di una casa di riposo in “condizioni di vita penose”, come le definiscono gli investigatori dell’Arma dei Carabinieri.

treviso omicidio suicidio

Orrore in una casa di riposo di Civitavecchia

17 tra infermieri e operatori sociosanitari di una Rsa di Civitavecchia sono indagati per maltrattamenti, sequestro di persona e falsità ideologica. Il personale avrebbe lasciato gli anziani abbandonati a loro stessi, addirittura immobilizzandoli ai letti per mezzo di lenzuola. Lasciati sporchi, con i pannoloni da cambiare, a volte insultati pesantemente, e malmenati. Imbottiti di psicofarmaci (benzodiazepine e antipsicotici) senza prescrizioni mediche, per farli stare buoni. Dalle indagini è emerso che gli Oss alimentavano gli anziani con l’uso di siringhe contenenti cibo frullato, che i sanitari usavano spingere con violenza nella loro bocca quasi fino a farli soffocare.

ARTICOLO | Funivia del Mottarone, il video della tragedia: la cabina sale, poi lo schianto

cassa di riposo civitavecchia

Le indagini dell’Arma

L’inchiesta aveva preso il via dopo la denuncia presentata ai Carabinieri dai familiari di un degente della struttura. A quel punto, sono scattate le verifiche dei militari della Stazione competente e del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia. Le forze dell’ordine hanno monitorato le attività portate avanti all’interno della struttura, sequestrato e analizzato le cartelle cliniche dei pazienti. In breve è stato accertato che gli indagati erano soliti lasciare gli anziani in stato di abbandono all’interno della sala ricreazione e delle camere di degenza. >> Tutte le news di UrbanPost

coca cola ronaldo

Euro 2020, Pogba come Ronaldo: i calciatori contro gli sponsor ufficiali

enrico papi

Enrico Papi e le voci sulla sua sessualità: «Oggi potrei innamorarmi di chiunque»