in

“Con il nastro rosa”, il nuovo libro di Donato Zoppo dedicato a Lucio Battisti

Il 5 marzo del 1943 nasceva Lucio Battisti. Nel giorno del suo compleanno GM Press (distr. Messaggerie) pubblicherà il libro Con il nastro rosa di Donato Zoppo, con la prefazione di Paolo Morando. Un volume interessante, che arriva in concomitanza dei quarant’anni di Una giornata uggiosa (marzo 1980), che mette insieme le testimonianze inedite di Geoff Westley, Phil Palmer, Stuart ElliottIlvio Gallo (autore della copertina) e Giorgio Fieschi della RSI, la firma dell’ultima intervista al cantautore.

Con il nastro rosa

“Con il nastro rosa”, il nuovo libro di Donato Zoppo dedicato a Lucio Battisti

Con il nastro Rosa. L’ultima canzone di Mogol e Battisti e la fine di un sogno, si intitola così l’ultimo libro di Donato Zoppo, giornalista, scrittore e conduttore radiofonico, che collabora con “Audio Review” e “Jam”. In passato questi si era già dedicato all’opera del cantante: suo il volume pubblicato con Hoepli Il nostro caro Lucio. Storia, canzoni e segreti di un gigante della musica italiana. Il nuovo libro di Donato Zoppo vuole raccontare ‘Con il nastro rosa’, la storia di una canzone, che chiude il sipario su un decennio e su un sogno. Un vivace dialogo con alcuni protagonisti del disco Una giornata uggiosa: il produttore  Geoff Westley, il chitarrista  Phil Palmer, che poi è l’artefice dello straordinario assolo che chiude Con il nastro rosa, e il batterista  Stuart Elliott. Il volume affronta la nascita dell’album partendo dalla storica ultima conversazione di Battisti con Giorgio Fieschi della RSI a Zurigo e termina con l’uscita del progetto. Un viaggio nei motivi che hanno spinto Battisti e Mogol a dirsi addio, nell’esperienza londinese del cantautore, nel rapporto con Westley, nei lati più oscuri di questa personalità enigmatica e silenziosa, che scelse anche di non apparire più in copertina. 
con il nastro rosa

«Lo scopriremo solo vivendo», la fine della collaborazione con Mogol

Un libro che si interroga sulla separazione più chiacchierata della musica leggera italiana, quella tra due indiscussi giganti. Una ‘chicca’ per gli amanti del genere, che torneranno a sognare ripensando alla copertina piovosa, divenuta oggi un’icona pop, oltre che una nota canzone, la più citata nel linguaggio comune italiano. Quando chiudiamo una conversazione non scomodiamo forse il verso «Lo scopriremo solo vivendo» di Con il nastro rosa? Il nuovo libro di Donato Zoppo, il terzo che lo scrittore campano dedica alla figura di Lucio Battisti, rappresenta un tassello fondamentale per comprendere al meglio quel genio indiscusso che ha saputo raccontare attraverso le note i sentimenti di intere generazioni. Un passo avanti, un antesignano di tutta la tradizione musicale italiana. Avrebbe avuto 77 anni oggi Battisti, venuto al mondo un giorno prima di un altro grande artista, Lucio Dalla. Una data simbolica, quasi a voler significare che il meglio della nuova canzone c’ha messo due giorni appena a nascere. E fiorire.

Lucio Battisti

leggi anche l’articolo —> Lucio Battisti pedinato dai servizi segreti: il docufilm di Rai Tre che (forse) non vedremo mai

 

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Anna Safroncik Instagram

Anna Safroncik Instagram, curve strizzate nel completo sportivo: «Wow pazzesca!»

Pit bike: le minimoto cross e motard che hanno conquistato il mercato