in

Coronavirus, i numeri di oggi: -293 positivi ma salgono ancora le vittime, 474 in un giorno

Coronavirus dati 2 maggio 2020 (aggiornato alle 18:18). E’ in corso la conferenza stampa della Protezione Civile per l’aggiornamento giornaliero sull’epidemia da Covid-19 in Italia. In calo anche oggi il numero dei malati, seppure in minore misura, -293. Il totale in Italia scende a 100.700. Le vittime oggi sono 474, in deciso aumento rispetto a ieri. Da inizio emergenza sono 28.710 i morti per coronavirus in Italia. La maggior parte dei malati sono isolamento domiciliare, sono l’80%. Cala di 39 unità il numero dei pazienti ricoverati in terapia intensiva. In calo anche i pazienti ricoverati con sintomi Covid-19, – 212. I guariti oggi sono 1.665, in totale sono 79.914. In Calabria oggi sono stati registrati zero contagi. (segue dopo la foto)

Coronavirus dati 2 maggio 2020

Il totale delle persone che hanno contratto il virus in Italia è di 209.328, con un incremento rispetto a ieri di 1.900 nuovi casi. Il numero totale di attualmente positivi è di 100.704, con una decrescita di 239 assistiti rispetto a ieri. Sono 55.412 i tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore e 31.231 le persone sottoposte al test. In totale da inizio emergenza sono stati eseguiti 2.108.837 e sono 1.429.864 le persone  sottoposte al test. (segue dopo la foto)

Coronavirus dati 2 maggio 2020: i contagi nelle regioni

Nel dettaglio, i casi attualmente positivi nelle diverse regioni d’Italia sono i seguenti. 36.667 in Lombardia, 15.719 in Piemonte, 9.323 in Emilia-Romagna, 7.431 in Veneto, 5.365 in Toscana, 3.598 in Liguria, 4.452 nel Lazio, 3.205 nelle Marche, 2.721 in Campania, 1.282 nella Provincia autonoma di Trento, 2.954 in Puglia, 2.186 in Sicilia, 1.109 in Friuli Venezia Giulia, 1.879 in Abruzzo, 703 nella Provincia autonoma di Bolzano, 196 in Umbria, 730 in Sardegna, 98 in Valle d’Aosta, 713 in Calabria, 191 in Basilicata e 182 in Molise. (segue dopo la foto)

In Emilia-Romagna: altri 206 casi ma guariti superano nettamente casi attivi

C’è un dato positivo che riguarda l’Emilia-Romagna e la pone al primo posto rispetto alle altre regioni: “Qui il numero dei guariti supera nettamente quello dei casi attivi, e
la distanza tra le due casistiche è la più alta d’Italia”. A sottolinearlo, nel corso del consueto bollettino su Facebook, è il commissario dell’Emilia-Romagna per l’emergenza Covid-19, Sergio Venturi. Per quanto riguarda i guariti, infatti, a oggi sono 332 (12.913 in totale), ed è costante il calo dei casi attivi, e cioè il numero di malati effettivi a oggi: – 161, passando dai 9.484 registrati ieri ai 9.323 odierni. Continuano a calare anche i decessi,”anche se – precisa Venturi – diminuiscono ancora troppo lentamente”. Oggi se ne registrano altri 35, 18 uomini e 17 donne, per un totale di 3.614 morti da inizio epidemia.

Per quanto riguarda la situazione dei contagi, in Emilia-Romagna, dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus si sono registrati 25.850 casi di positività, 206 in più rispetto a ieri. I test effettuati hanno raggiunto quota 192.135 (+3.871). Questi i casi di positività sul territorio: 4.175 a Piacenza (60 in più rispetto a ieri), 3.199 a Parma (22 in più), 4.733 a Reggio Emilia (20 in più), 3.704 a Modena (26 in più), 4.124 a Bologna (45 in più), 383 le positività registrate a Imola (4 in più), 932 a Ferrara (6 in più). In Romagna sono complessivamente 4.600 (23 in più), di cui 983 a Ravenna (1 in più),
902 a Forlì (7 in più), 693 a Cesena (2 in più), 2.022 a Rimini (13 in più). >> Tutte le notizie sul Coronavirus

Written by Andrea Monaci

49 anni, è direttore editoriale di Urbanpost.it fin dalla sua fondazione nel 2012. Ha iniziato la sua carriera nel 1996, si è occupato principalmente di lavoro, criminalità organizzata e politica. Ha scritto per "Il Secolo XIX", "Lavoro e Carriere", "La Voce dei Laghi", "La Cronaca di Varese".

le donatella

Le Donatella Instagram, bollenti in bikini come due bronzi di Riace al femminile: «Siete il mio sogno erotico»

Barbara d'Urso

Barbara D’Urso Instagram senza trucco, in accappatoio dopo la doccia: «Che spavento! Sembri un’altra…»