in

Coronavirus, quando e come si può uscire di casa

Al sesto giorno di quarantena ancora non è ben chiaro cosa si possa fare e cosa no: si può uscire di casa per una passeggiata? Dopo la chiusura di parchi e aree verdi in molte città d’Italia, dove si va a fare attività sportiva? Cerchiamo di fare chiarezza su cosa è permesso fare durante il periodo di isolamento stanziato dal governo per contrastare la diffusione del coronavirus.

Coronavirus Italia 1

Coronavirus, quando è permesso uscire di casa

Quando e come possiamo uscire di casa? La risposta è sempre la stessa: bisogna limitare le proprie uscite, e spostarsi solo per comprovate esigenze come il lavoro, la spesa o emergenze sanitarie. Stare sempre chiusi in casa, però, può risultare un po’ soffocante. Per questo ogni tanto è bene prendere una boccata d’aria, anche durante la quarantena. Stando a quanto riportato dal sito del Viminale, tuttavia, “le passeggiate sono ammesse solo se strettamente necessarie a realizzare uno spostamento giustificato“, quindi le ormai note “comprovate esigenze”. Allo stesso tempo, però, il decreto non vieta l’attività fisica all’aperto, e si legge: “E’ giustificata ogni uscita dal domicilio per l’attività sportiva o motoria all’aperto”, purché si mantengano le distanze di sicurezza.

Inoltre, per svolgere attività all’aperto non è necessaria l’autocertificazione, ma in caso di fermo può essere domandato il motivo dello spostamento. Questo vale anche per l’attività svolta in bicicletta: il mezzo può essere utilizzato per tutti gli spostamenti previsti dal decreto e si può uscire in bicicletta anche per fare attività sportiva, sempre che sia svolta in modo individuale e senza creare assembramenti di persone.

Coronavirus

Coronavirus, cosa è autorizzato e cosa no

Le autorità raccomandano di muoversi singolarmente anche in macchina quando ci si reca, per esempio, a fare la spesa. Questo serve a evitare l’affollamento nei luoghi pubblici. Tuttavia, non c’è limitazione se ci si sposta in auto con i propri familiari conviventi. Per tutte le altre circostanze, invece, vige la regola della distanza di sicurezza, quindi può essere permesso, al massimo, che in macchina sia presente il guidatore e il passeggero nel sedile posteriore opposto. Per quanto riguarda le moto, invece, è vietato trasportare un passeggero per l’impossibilità di mantenere le distanze di un metro.

Per coloro che in casa godono della compagnia di un animale domestico, ovviamente è permesso portarlo fuori per le necessità fisiologiche. E’ importante, però, rimanere vicino a casa. E’ consentito anche portarli dal veterinario, ma solamente in caso di urgenze ed entrando in ambulatorio individualmente. Per rispettare tutte le norme contro la diffusione del coronavirus, i veterinari sono obbligati a indossare i guanti e le mascherine. Allo stesso modo, rimangono aperti i negozi che vendono alimenti e prodotti per gli animali.

coronavirus consiglio ministri

Quali attività rimangono aperte?

Tra le attività che possono rimanere aperte per permettere l’acquisto dei beni di prima necessità, il decreto ha inserito anche le edicole e i tabaccai. Secondo quanto riportato dal sito del Governo, infatti, “l’acquisto dei quotidiani e dei periodici è ritenuto una necessità, quindi anche gli spostamenti da e per le edicole, che li vendono”. Il permesso è ampliato anche alle erboristerie assimilate a negozi di prodotti indicati per la cura personale. Lo stesso vale anche per le officine, le carrozzerie, i gommisti e i rivenditori di pezzi di ricambio, in quanto considerate attività di prima necessità. Per garantire eventuali riparazioni urgenti alle abitazioni, infine, a non fermarsi sono gli artigiani, gli idraulici, gli elettricisti, i falegnami e le imprese edili.

Anche per gli studi privati non è previsto l’obbligo della chiusura, tuttavia rimane la regola di rispettare le distanze di sicurezza, per questo è preferibile lo smartworking, alternare le presenze dei dipendenti e favorire le ferie o i congedi. Le stesse regole valgono per i servizi sociali e le associazioni di volontari: i consultori, i Sert, i centri diurni per indigenti e senzatetto, i centri antiviolenza, di mediazione familiare e le attività di volontariato continuano regolarmente a svolgere il loro lavoro, sempre nel rispetto delle misure imposte dal governo. Rimangono attivi, però, in qualità di servizi necessari alla persona, così come è consentito lo svolgimento del proprio lavoro a colf, badanti e babysitter.

coronavirus timori

Coronavirus, lo spostamento nelle seconde case non è permesso

Ovviamente, non è permesso spostarsi per raggiungere le seconde case. Secondo le regole, ci si può muovere esclusivamente per recarsi presso la propria abitazioni in cui si ha la residenza o il domicilio. Per quanto riguarda gli alberghi e i bed&breakfast, possono rimanere aperti ed è consentito di continuare l’attività di bar e ristorante per i clienti che già alloggiavano lì, anche in questo caso garantendo le distanze di sicurezza di almeno un metro.

>> Tutte le news di UrbanPost

Coronavirus, Cartabellotta: “Stiamo vedendo solo la punta dell’iceberg”

Premio Strega 2020

Premio Strega 2020 annunciata la dozzina: i dodici autori finalisti