in

Coronavirus riapertura, ipotesi sindaco Sala: «Sblocco di Milano? Sì, ma a tre condizioni»

Coronavirus riapertura Lombardia Ultime News. La regione più martoriata dal Covid-19 si avvia alla tanto agognata fase 2, dopo i primi segnali positivi, come il calo dei pazienti in arrivo al pronto soccorso e dei ricoveri in terapia intensiva all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, uno dei simboli dell’emergenza. Sul ritorno alla normalità, all’insegna della prudenza, si è pronunciato il sindaco di Milano Beppe Sala, che propone di riorganizzare i turni nelle scuole, ma anche nei negozi, e di assicurare maggior sicurezza nei trasporti pubblici, che possono rivelarsi, come abbiamo visto nei mesi scorsi, fonte di contagio.

Beppe Sala

Coronavirus riapertura, ipotesi sindaco Sala: «Sblocco di Milano? Sì, ma a tre condizioni»

«Stiamo lavorando a un progetto per la riapertura che presenteremo la settimana prossima, ma per riaprire sono necessarie tre condizioni. La data esatta, la sicurezza nel trasporto pubblico e soprattutto una nuova regolamentazione degli orari di scuole e negozi», spiega Beppe Sala. In un’intervista al “Corriere della Sera” il primo cittadino di Milano ha spiegato: «Stiamo lavorando per mettere in sicurezza il trasporto pubblico con un sistema che controlla gli ingressi nelle stazioni del metrò e li blocca quando si supera un certo numero. Sul pavimento delle carrozze disegneremo dei cerchi per garantire la distanza. Questo però ridurrà al 30 per cento la capienza nelle ore di punta», ha precisato questi parlando dei trasporti. Beppe Sala ha parlato poi di negozi e scuole: «Se il commercio non si mette d’accordo sullo scaglionare gli orari dei negozi, se il ministero dell’Istruzione non regola gli orari delle lezioni, il sistema non regge. Bisogna lavorare sui tempi della città. È necessario scaglionare ingressi e uscite. Faccio un esempio: i ragazzi non devono entrare tutti alle 8 ma dalle 8 alle 10. Bisognerebbe pensare a doppi turni perché le classi non potranno essere più così numerose come adesso».

Beppe Sala

Il primo cittadino: «Mi preoccupa più il commercio che prevede la presenza fisica del personale nei negozi»

Nella stessa intervista a ‘Il Corriere della sera’, Beppe Sala ha detto di non essere troppo in ansia per le aziende: «Mi preoccupano di meno in quanto sono abituate a una certa flessibilità e sono in grado di garantire ingressi scaglionati o continuare nello smart working. Mi preoccupa più il commercio che prevede la presenza fisica del personale nei negozi. Non possono avere gli stessi orari di adesso. Il Comune non avrebbe nessun problema a immaginare di avere i negozi aperti la sera. Ci facciano una proposta», ha concluso il sindaco di Milanoleggi anche l’articolo —> Coronavirus paziente 1, la rinascita di Mattia: «Non potevo andare via mentre mia figlia stava arrivando»

 

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

laura chiatti instagram

Laura Chiatti Instagram, in doccia come mamma l’ha fatta: lo scatto bollente ‘rubato’ dal marito

miriana trevisan instagram

Miriana Trevisan Instagram vestitino svolazzante mette in mostra le cosce, curve imponenti: «Donna!»