in

Giornata della Pace, il segretario ONU Guterres: «24 ore di cessate il fuoco»

La giornata internazionale della Pace si celebra oggi, 21 settembre. Istituita il 30 novembre 1981 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, la Giornata Internazionale della Pace nasce dalla volontà di creare un giorno all’insegna della pace mondiale e della non violenza. Proprio per questo ieri il segretario generale dell’ONU, Antonio Guterres, ha fatto appello a un “cessate il fuoco” mondiale della durata di 24 ore.

Mistrust and division are driving people apart at a time when solidarity and collaboration are needed more than ever.

We face a stark choice — peace or perpetual peril.

We must always choose peace. It is the only pathway to a better future. #PeaceDay

— António Guterres (@antonioguterres) September 21, 2021

Giornata internazionale della Pace

“Siamo davanti a una scelta cruciale – pace o pericolo perpetuo. Dobbiamo sempre scegliere la pace. È l’unica via per un futuro migliore”. Lo scrive oggi Antonio Guterres su Twitter, nel giornata internazionale della Pace. Ieri Guterres ha invitato ”i combattenti di tutto il mondo a deporre le armi e osservare una giornata di cessate il fuoco globale’. “La pace non è un sogno irrealizzabile – ha aggiunto – è un barlume nel buio, che ci guida sull’unica strada che ci porterà a un futuro migliore per l’umanità”.

“Dobbiamo rinnovare la nostra fiducia gli uni negli altri”, ha insistito. “la pace e il progresso dipendono dalla nostra capacità di riunirci come famiglia umana. Non possiamo lasciare che il nostro futuro sia divorato dall’odio, dalle divisioni, dai conflitti e dalla sfiducia”. Un riferimento, infine, anche alla sfida ambientale: “È tempo di ricostruire il nostro mondo e di fare la pace con la natura”.

Seguici sul nostro canale Telegram

Riapertura discoteche

Discoteche, Pasca (Silb): “Speriamo che a ottobre il governo dia il via libera, altrimenti riapriremo in ogni caso”

aumento bollette

Misiani (PD): “Con rincari bollette si rischia contraccolpo pesante per le famiglie”