in

In piazza contro il green pass, manifestanti gridano: “Liberi di scegliere”

In molte piazze italiane, alcuni cittadini hanno scelto di manifestare contro le ultime regole imposte dal Governo. E ce n’è una in particolare che viene contestata nelle manifestazioni: il green pass obbligatorio. Dubbi anche sulle vaccinazioni: i manifestanti gridano: “giù le mani dai nostri figli”. In piazza anche Sgarbi, Paragone, Siri e Pillon.

Green pass manifestazioni

Green pass manifestazioni Roma Milano Torino,

Sono scesi in piazza del Popolo a Roma nei panni di manifestanti alcuni parlamentari. Si tratta dei leghisti Bagnai, Siri, Borghi e Pillon; l’ex M5s Paragone e Vittorio Sgarbi. Anche nella città di Milano sono varie le proteste. In molti ricordano Giuseppe De Donno, un medico che si è suicidato lo scorso martedì. Il dottore, invece che insistere con la promozione dei vaccini, aveva ben pensato di studiare una cura contro il Covid con le trasfusioni di plasma iperimmune. I cittadini rivendicano la loro libertà, bruciata da un pass obbligatorio e gridano: “Siamo liberi di scegliere”.

Torino una manciata di manifestanti si sono date appuntamento in piazza Castello, per un presidio. “Figliuolo, Draghi, Speranza, Burioni, Bassetti giù le mani dai nostri figli”, hanno scritto su una striscione.

ARTICOLO | Mattarella: “E’ il virus a limitare la libertà, non le regole per sconfiggerlo”

ARTICOLO | Riapertura scuole, il governo è ancora in alto mare: sindacati infuriati

Green pass manifestazioni: “Giù le mani dai bambini”

Paolo Becchi, l’ex ideologo del Movimento che si è allontanato da Grillo nel 2015, ha condiviso un video sulla pagina Fb del Comitato, nel quale spiega il suo punto di vista. L’ex grillino ha spiegato che non esiste una lotta tra i “pro vax” (i buoni) e i “no vax” (i cattivi). Ognuno dovrebbe essere libero di scegliere. “Si vogliono discriminare persone attraverso l’uso del green pass: avremo cittadini di serie A e altri di serie B. Si comincia dalla tazzina di caffè e non si sa dove si va a finire. La china scivolosa che si sta prendendo dove si ferma? Poi sarà la volta delle scuole e delle università”.

 Nel corso della manifestazione i presenti hanno gridato più volte la parola “libertà”. Libertà di scegliere se vaccinarsi o no, se restare a casa o no. Non dovrebbe essere qualcuno a limitare la libertà personale, come è scritto ben chiaramente nella costituzione italiana. Un altro aspetto molto contestato è il vaccino nei bambini. I manifestanti  hanno dichiarato: “Giù le mani dai bambini”. Nel suo intervento Vittorio Sgarbi ha spiegato: “Io non lo faccio perché ho paura del vaccino. Non abbiamo nessuno certezza che il vaccino sia stato testato. Io non voglio il vaccino, saranno fatti miei”.>>Tutte le notizie

Sergio Mattarella

Mattarella: “E’ il virus a limitare la libertà, non le regole per sconfiggerlo”

Corteo Matteo Ricci

Matteo Ricci, un corteo non autorizzato terrorizza la famiglia del sindaco di Pesaro