in

Milano, nubifragio nella notte: esondano il Seveso e il Lambro

Nella notte tra il 14 e il 15 maggio 2020 Milano è stata colpita da un fortissimo nubifragio provocando l’esondazione dei fiumi Severo e Lambro. La protezione civile aveva dato l’allerta meteo già alle 18 del giorno stesso, ma nessuno si sarebbe aspettato una vera e propria pioggia di fulmine. In questa primavera in Italia non manca nulla coronavirus, terremoto e anche esondazione a Milano. Il fiume Seveso ha invaso il quartiere di Niguarda. Stesso discorso riguarda la zona di Lambrate, dove le acque del fiume Lambro hanno invaso le vie, i sottopassi e alcune cantine.

leggi anche l’articolo —> Silvia Romano, intervista Ali Dehere (Al Shabaab): «Ecco perché non le abbiamo fatto del male»

milano nubifragio esondazione

Milano, nubifragio esondazione

Nel web girano già le prime immagini di Milano che mostrano intere strade completamente allagate. In particolare, desta preoccupazione la situazione del fiume Seveso, atavico problema del capoluogo lombardo quando la città viene colpita da improvvisi temporali come quello che è iniziato nel tardo pomeriggio di ieri ed è proseguito nella notte. Il Centro operativo comunale aveva dato l’allerta già nel pomeriggio non solo su Milano, ma su tutta la regione. Nessuno si sarebbe aspettato anche la pioggia di fulmine.

Pioggia di fulmini

Il post su Twitter di Selvaggia Lucarelli ha fatto scalpore. Si tratta di una foto di Milano completamente illuminata, sembra un’assolata giornata di sole ma in realtà è stata scattata a mezzanotte. La quantità incredibile di fulmine ha illuminato Milano. Il temporale ha provocato diversi blackout in tutta la città, in particolar modo nella zona del quartiere Niguarda dove, intorno alle 3, è esondato il fiume Seveso. leggi anche l’articolo —> Silvia Romano, cocci di vetro contro la finestra di casa: la scientifica indaga

Benedetta Mazza in canotta XL: seni giunonici nudi schizzano fuori da tutte le parti

coronavirus vaccino

Coronavirus, vaccino: prima Stati Uniti e Cina, all’Europa quello che rimane