in

Orto casareccio, qualche consiglio

Avere un hobby aiuta a staccare la spina dal tran tran di tutti i giorni. Il passatempo che ultimamente sta interessando moltissime persone è coltivare un piccolo orticello a casa. Sarà la voglia di mangiare sano, sarà la voglia di fare qualcosa di diverso, ma si può avere davvero un piccolo quadrato di terreno con i propri prodotti. Se anche tu vuoi coltivare un orto casareccio, questi sono i nostri consigli: altri puoi trovarli su https://www.lettoquotidiano.it.

Quali vantaggi ha un orto

Per prima cosa dobbiamo precisare che un orto porta numerosi vantaggi nella tua vita, ma in primis rappresenta un toccasana per la salute e risulta essere un ottimo alleato per la natura. Nel primo caso, devi sapere che molti psicologi inducono i propri pazienti a giardinaggio e a coltivazione dell’orto perché risultano terapici. Si coltivano piante, si fanno lavori manuali, ci si dedica solo a quell’attività ritrovando la pace interiore persa. Anche perché orto vuol dire pazienza e attesa. Nel secondo caso invece si sviluppa maggiore rispetto dell’ambiente e di sé: con l’orto si segue una vita sostenibile, uno stile alimentare sano e biologico, insomma tutti requisiti questi che non andrebbero mai presi sotto gamba

Quali passi seguire

Passiamo ora al vivo del discorso: tutti possono realizzare un orto? Cosa ci vuole per raggiungere il massimo livello di pollice verde? La coltivazione fai da te è più semplice di quanto si pensi. Bisogna però avere pazienza, procedere per gradi, altrimenti si rischia di sbagliare e la non riuscita del prodotto fa perdere la passione. Per questo, per iniziare, si consiglia di partire da ortaggi che richiedono cicli brevi di crescita. In alternativa si può sempre partire con delle semplici erbe aromatiche. Volendo, se preferisci i fiori, puoi optare per ortaggi che sono decorativi oltre ad essere buoni da mangiare (pensa ai peperoncini, ai pomodorini, o anche alle fragole pur essendo frutto e non verdura). Quando vai in una serra a comprare le piantine, scegli quelle che hanno già una certa dimensione e sono dunque da espiantare in vasi più grandi. Se poi hai aiuole belle grandi o pure piccoli appezzamenti di terreno, gestisci bene lo spazio, e metti la giusta distanza tra una pianta e l’altra (pensa ad esempio che zucchine e pomodori hanno bisogno di almeno 60 cm di diametro per crescere bene, la lattuga invece si accontenta della metà di questo spazio)

Quando è il periodo ideale per coltivare? Beh dipende dal tipo di ortaggio che intendi seminare. Ad esempio per verdura di stagione, devi orientarti alla semina tra marzo e aprile. Prima di spostare le piantine valuta bene la questione del terriccio, che deve essere di qualità per ottenere buoni risultati. Ti suggeriamo di comprare quello già fertilizzato oppure già concimato.

Dove coltivare

Per il punto in cui coltivare tutto dipende dallo spazio che hai a disposizione. In base allo spazio potrai gestire il tuo orto.

  • Orto in giardino

Se hai un giardino, un cortile uno spazio all’aperto, l’orto in giardino è molto più semplice da gestire. A tal proposito ti suggeriamo di prediligere una zona ben soleggiata e dove puoi facilmente sopraggiungere con l’acqua. Per chi ha spazio a sufficienza, suggeriamo di dedicare all’orto almeno 10 metri quadrati spazio sufficiente per coltivare un po’ di tutto. Puoi sia coltivare direttamente nella terra sia creare dei piccoli contenitori, a te la scelta

  • Orto in terrazzo o sul balcone

Per chi invece vive in appartamento, l’alternativa è quella dell’orto in terrazzo o sul balcone, dipende dallo spazio esterno disponibile. Sicuramente si ha meno dimestichezza e libertà di movimento rispetto al giardino, ma si possono ugualmente ottenere soddisfazione. Ovviamente devi prenderti cura molto di più della terra, per fare sì che le verdure crescano sane e forti.

Seguici sul nostro canale Telegram

Analisi dei link in ingresso: scopriamo di cosa si tratta

Media sondaggi Termometro Politico: Fratelli d’Italia tocca un nuovo record