in

Scuola, Salvini accusa Azzolina: “Appalti sospetti sui nuovi banchi”

Matteo Salvini punta ancora il dito contro il governo: questa volta il tema è la scuola, e più precisamente l’appalto per i banchi. “Un appalto da 44 milioni di euro per produrre 180mila banchi con le rotelle viene affidato a una società di Ostia che si occupa di “eventi fieristici” con un dipendente. Due giorni dopo l’interrogazione della Lega alla Azzolina, l’appalto viene fermato.. Siamo pronti a portare questa faccenda in Procura, questa vergogna non può e non deve rimanere impunita”, si legge nella didascalia di un video pubblicato dal leader della Lega nella quale spiega la questione. Questa volta, però, a rispondergli è direttamente il commissario straordinario Domenico Arcuri: “L’esistenza di contratti sospetti è destituita di fondamento”.

>>Leggi anche: Scuola settembre, Azzolina: «Nuovi banchi entro ottobre. Stiamo recuperando 20 anni di caos»

matteo salvini contestato selvaggia lucarelli

Scuola, Matteo Salvini accusa il ministro Azzolina

“Fanno gli appalti per i banchi con le rotelle perché pare che senza il banco con le rotelle un bimbo in classe non ci possa entrare. E già questo è opinabile. Una delle società che vince questo bando, e lo dedico agli artigiani, agli imprenditori che sono qua e faticano per portare a casa un budget da 1000 euro… E’ tal Nexus Srl di Roma. Numero dei dipendenti: uno”, dice Salvini dal palco mentre una signora urla “lo hanno fatto vincere ai cinesi! A quelli che ci hanno portato il Covid!”. Poi continua: “Un appalto da 44 milioni di euro, costo per singolo banco con le rotelle 247 euro. Società con un dipendente, che ha sede in un palazzo di Ostia con un post-it al posto del campanello… A me sarebbe venuto qualche dubbio. Contratto firmato il 26 di agosto”.

Determinato, Salvini quindi accusa il ministro Azzolina, e il governo, di aver truffato l’appalto. Non solo, ospite alla trasmissione in onda su Rete 4, “Fuori dal coro”, denuncia: “Incredibile che tutta Europa abbia già aperto e in Italia ancora non si sa nulla e mancano gli insegnanti, le aule, i banchi e i bidelli. Hanno trovato i soldi per i monopattini elettrici e non possono trovarli per i termoscanner”. Poi, rivolgendosi direttamente ad Azzolina, continua: “Azzolina mi insulta? Noi è da marzo che facciamo proposte per la scuola: assumere e stabilizzare precari se mancano insegnanti, coinvolgere le scuole paritarie disponibili se mancano le scuole”. E ancora: “La Azzolina ha perso 4 mesi per cercare i banchi, andrò in Procura, ci sono appalti da decine di milioni di euro quanto meno sospetti”.

APPALTO FANTASMA DA 44 MILIONI PER I BANCHI CON LE ROTELLE!

⚠️Un appalto da 44 MILIONI di euro per produrre 180MILA banchi con le rotelle viene affidato a una società di Ostia che si occupa di “eventi fieristici” con UN dipendente.Due giorni dopo l’interrogazione della Lega alla Azzolina, l’appalto viene fermato…Complimenti al quotidiano “La Verità” per essere stato l’unico a parlarne, nel silenzio generale.Siamo pronti a portare questa faccenda in Procura, questa vergogna non può e non deve rimanere impunita.

Pubblicato da Matteo Salvini su Martedì 8 settembre 2020

Scuola, Arcuri risponde a Salvini

A rispondere alle accuse di Salvini è stato direttamente il commissario straordinario Domenico Arcuri. Intervenuto a “Cartabianca”, infatti, ha dichiarato: “Abbiamo contrattualizzato 2 milioni di banchi tradizionali e 400 mila con le rotelle. Abbiamo assicurato che li consegneremo tutti entro la fine di ottobre”. Inoltre, Arcuri ha affrontato anche il tema dell’utilizzo delle mascherine in aula, per cui le famiglie non dovranno farsi carico della spesa: “Sono già state distribuite le mascherine chirurgiche alle scuole. Chiunque dice alle famiglie che c’è bisogno che acquistino la mascherina dice il falso, perché il governo manda tutti i giorni 11 milioni di mascherine a tutte le scuole. E’ l’unico governo al mondo”.

Nonostante questo, anche il commissario ha ammesso alcune perplessità sulla questione, soprattutto sulla data di inizio delle lezioni. “Io avrei aperto le scuole dopo le elezioni, il 24 settembre, come faranno alcune Regioni”. In conclusione, poi, ha commentato il numero dei contagi in aumento nel Paese: “Abbiamo un numero di contagi clamorosamente inferiore ad altri Paesi europei. Non vedo il ritorno a un lockdown generalizzato.” >>Tutte le notizie di UrbanPost

Processo Ciontoli oggi parla Viola Giorgini: cosa sta dicendo in aula

cristina buccino

Cristina Buccino, una dea vestita di bianco: «Sei un’opera d’arte di pura bellezza!»