in

Presidenziali Usa, Trump definisce “pericolosa” l’estensione del voto via posta: Twitter lo censura

Ad un passo dalle elezioni presidenziali Usa 2020, il cui esito si conoscerà nella notte, l’attuale presidente Donald Trump ha pubblicato su Twitter un post che è stato immediatamente censurato. Nel post censurato su Twitter, il presidente ha denunciato la decisione della Corte suprema di convalidare i voti postali oltre l’election day. Il social network ha censurato le parole di Trump definendole “controverse” e “fuorvianti”.

>> Dibattito Trump Biden, microfoni spenti a turni alterni per permettere allo sfidante di parlare

Donald Trump censurato su Twitter

Il post di Trump censurato su Twitter

Negli Stati Uniti le elezioni iniziano prima con il voto per posta e per gli americani all’estero. Quest’anno, in ragione delle restrizioni dovute alla pandemia da Coronavirus, i voti per posta si sono moltiplicati. Ciò che ha scaturito quindi l’indignazione nel presidente Trump è stata la decisione della Corte suprema americana di estendere in alcuni stati, quali North Carolina e la Pennsylvania, la validità dei voti postali oltre l’election day. Soprattutto la Pennsylvania, considerata da tutti gli analisti uno degli stati chiave per la riconferma di Trump alla Casa Bianca.

Trump aveva già dichiarato durante un comizio a Scranton, in Pennsylvania, che con la decisione di incrementare il metodo di voto postale si era creata “una situazione molto pericolosa, intendo fisicamente pericolosa”. Di seguito ha ribadito la sua posizione su Twitter. “La decisione della corte suprema consentirà un imbroglio sfrenato e incontrollato e minerà l’intero sistema delle leggi. Causerà anche violenza nelle strade. Deve essere fatto qualcosa!”. Così ha commentato il presidente sul suo account ufficiale.

Trump e Biden

Le reazioni di Joe Biden e Barack Obama

In attesa dei risultati delle votazioni intanto stanno continuando i battibecchi tra i due candidati a presidente: il repubblicano Donald Trump e il democratico Joe Biden. Trump è fiducioso e dichiara “Vinceremo comunque” ha detto aprendo un comizio. Nonostante le indagini a suo dire fatte per affossarlo e quest’ultima decisione della Corte suprema, il presidente si sente già vincitore e afferma: “noi siamo messi bene e vinceremo”. Lo sfidante Joe Biden, parlando a Pittsburgh, in Pennsylvania ha invece affermato: “Non c’è possibilità che domani notte il presidente dichiari la vittoria”. Il democratico.

Anche l’ex presidente Barack Obama ha commentato la sfacciataggine di Trump nel sentirsi già vincitore, in un comizio a Miami a sostegno di Biden  “Vuole dichiarare vittoria prima che tutti i voti siano contati? Questo è qualcosa che fa un dittatore da quattro soldi, se credi nella democrazia vuoi che ogni voto sia contato”. Inoltre ha aggiunto: “Trump ha mentito ogni singolo giorno. I factchecker non riuscivano a tenergli il passo…” >> Tutte le news

Covid, zone rosse: a rischio Lombardia, Piemonte e Calabria

Antonella Mosetti

Antonella Mosetti Instagram, scollatura paradisiaca: «La donna dei sogni»