in

Tutti i suggerimenti che ti servono per investire in criptovalute

Da quando sono comparse per la prima volta sui mercati finanziari, le criptovalute hanno fatto registrare per molti investitori ricavi ai limiti dell’incredibile. Tuttavia lo scenario attuale è parzialmente differente rispetto a quello degli ultimi anni: e d’altro canto non potrebbe che essere così, considerata la variabilità delle quotazioni, per le quali non si riscontrano gap eccessivi tra l’apertura e la successiva chiusura di giorno in giorno. A seconda del momento storico, dunque, le monete digitali possono essere caratterizzate da scossoni significativi, magari dovuti a eventi politici o economici, oppure conoscere periodi di maggiore quiete.

Investire in criptovalute: come fare

Un modo per investire in criptovalute è quello di affidarsi al trading automatico, magari con uno strumento come il software di cui si può usufruire iscrivendosi al sito the-bitcoin-champions.com. Se, invece, si ha in mente di comprare direttamente i bitcoin, o le altre valute digitali, si può fare riferimento a una delle piattaforme di exchange che sono disponibili nel continente europeo: per portare a termine la transazione è sufficiente eseguire un versamento in dollari o in euro. In alcuni casi il conto può essere pagato anche con altre monete virtuali, nel caso in cui esse siano disponibili sul conto. Seguendo questa procedura, non ci si deve neppure preoccupare di effettuare il cambio dalla valuta tradizionale a quella digitale, e viceversa.

Come si usano i siti di exchange

Per usare i siti di exchange non c’è bisogno di possedere particolari competenze di carattere economico né di essere degli esperti del settore informatico. Quasi sempre, tutto quello che occorre è rappresentato da un indirizzo di posta elettronica e un sistema di pagamento elettronico: la carta di credito è più che sufficiente. Inoltre, è necessario convertire in formato digitale i propri documenti. Così, avendo tutto questo a portata di mano è possibile recarsi sul sito di exchange che si è scelto e attivare l’account; a questo punto non c’è altro da fare che depositare sul conto la somma da usare, per poi selezionare la criptovaluta a cui si è interessati.

Un ampio ventaglio di opzioni

Sono numerosi i siti di exchange in cui ci si può imbattere in Rete, spesso diversi gli uni dagli altri non solo in base al costo delle transazioni, ma anche in funzione delle criptovalute tra cui è possibile scegliere. Inoltre, va tenuto presente che non tutti gli exchange mettono a disposizione un wallet interno.

Come si sceglie l’exchange giusto?

Visto questo grande assortimento di alternative, viene spontaneo domandarsi quali siano i criteri da adottare per scegliere il sito di exchange a cui affidarsi. Nel caso in cui si abbia in mente di acquistare una criptovaluta ben precisa, per esempio, un buon punto di partenza può essere quello di verificare che essa venga messa a disposizione dalla piattaforma. Tanti siti di questo genere hanno un funzionamento che si può paragonare a quello di un portafogli digitale, e quindi possono essere usati per conservare le criptomonete che sono state comprate.

Investire in criptomonete ha senso?

Sono parecchi gli addetti ai lavori che considerano in crescita il settore delle monete virtuali: ecco perché questo è un ambito da valutare con attenzione se si ha intenzione di iniziare a investire. Certo, ci sono alcuni fattori che non si possono trascurare: per esempio il fatto che si tratti di un asset altamente imprevedibile. In tutto il mondo in questo momento esistono più di un migliaio di tipologie di monete virtuali differenti: alcune di queste sono nate da poco, mentre altre hanno raggiunto un livello di notorietà considerevole. E sono quelle da preferire, ovviamente.

Processo Tizzani, figlio e nuora si contraddicono: pm ipotizza falsa testimonianza

lockdown sardegna

Lockdown Sardegna, la decisione nelle prossime ore: stop per 15 giorni, chiusi porti e aeroporti