in

Verona mascherine con Mussolini, è polemica: indignazione anche sui social

Un’azienda di San Giorgio in Salici, in provincia di Verona, ha prodotto delle mascherine con il volto di Benito Mussolini e la scritta «Camminare, costruire e, se necessario, combattere e vincere!», una delle massime più note del duce. Le foto dei dispositivi anti Coronavirus hanno cominciato a girare sui social, creando un’ondata di indignazione non indifferente. Ne è scoppiato un caso, anche perché non si tratta delle sole mascherine: altri prodotti simili sono disponibili on-line su un sito di vendita dedicato al merchandising di Benito Mussolini.

mascherine mussolini

Verona mascherine con Mussolini, è polemica: indignazione anche sui social

«Tra le tante cose che possono capitare in una pandemia, quella di vendere mascherine per la protezione individuale con l’effige del duce fascista è la più sgradevole di tutte. Chi commercializza quel prodotto inneggia al fascismo e ne favorisce l’apologia. Un fatto deplorevole da condannare con fermezza», ha tuonato il senatore del Pd Vincenzo D’Arienzo, che ha aggiunto: «C’è la ricerca spasmodica del profitto utilizzando la propaganda politica con un assassino che ha iniettato nel Paese il virus della razza e dell’intolleranza verso gli altri. Una massiccia dose di ignoranza di cui Verona poteva fare a meno e che spero chieda conto a costoro che ne stanno infangando il nome, ancora una volta». Sulla stessa lunghezza d’onda il deputato dem Alessia Rotta, che ha scritto su Twitter: «Mascherine con il volto di Mussolini. La città non può continuare ad essere disonorata dai fascisti. Qualcuno pensa di intervenire?».

mascherine mussolini

Zardini: «L’immagine della città danneggiata. È intollerabile!»

Amareggiato anche il deputato veronese del Partito Democratico Diego Zardini: «Ancora una volta per colpa di pochi irrispettosi l’immagine di Verona viene danneggiata. È intollerabile che nella città Medaglia d’Oro per la Resistenza circolano mascherine con l’effige di Mussolini, responsabile delle leggi razziali, del massacro di migliaia di italiani in una guerra a fianco di Hitler e della distruzione del nostro Paese. Chiedo al Prefetto e all’autorità giudiziaria di provvedere immediatamente al sequestro di questi gadget dell’orrore e di denunciare l’azienda produttrice per apologia di fascismo. In questo momento così delicato abbiamo bisogno di tutto, tranne che di dare visibilità a imbecilli che nulla sanno di Verona e della sua storia».

mascherine duce

Verona mascherine con Mussolini: malumore sui social

E intanto sui social anche la gente comune ha mostrato tutta la sua indignazione: «A Verona arrivano le mascherine col volto del Duce. Servono per evitare gli assembramenti, perché bisogna stare lontani dai fasci», scrive un utente su Twitter; «A Verona vendono mascherine con la faccia di Mussolini. Ma perché riciclare così i pannolini?», ha fatto eco un altro. E ancora frasi come «Sono veramente amareggiata. Hanno creato delle mascherine con la foto di Mussolini, commentate voi perché io non so più cosa dire» e battute più feroci come «In vendita a Verona mascherine col volto di Mussolini. Si indossano al contrario». leggi anche l’articolo —> Mascherine 50 centesimi introvabili: «Mai arrivate nei negozi», ma i depositi sono pieni

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

alice campello incinta

Alice Campello incinta straordinaria in bikini con il pancino: lato b tondeggiante e non un filo di cellulite

Aida Yespica Instagram

Aida Yespica Instagram, sensuale fasciata dall’abito trasparente: «Pura femminilità!»