in

Omicidio Willy, spuntano messaggi choc da una chat segreta dei fratelli Bianchi

Omicidio Willy, altri dettagli agghiaccianti emergono sui fratelli Bianchi. Da una chat segreta con altri tre amici sono saltati fuori messaggi di morte, minacce choc e intimidazioni allucinanti. Virgolettati tremendi riportati oggi in un processo in cui i due giovani sono implicati per droga. Parole forti che fanno capire lo stile violento del branco di cui essi facevano parte.

leggi anche l’articolo —> Omicidio Willy Monteiro Duarte, autopsia parla chiaro: «Il cuore spaccato dalle botte ricevute»

fratelli bianchi

Omicidio Willy, spuntano messaggi choc da una chat segreta dei fratelli Bianchi

Sono spaventosi alcuni dei messaggi dei fratelli Bianchi, imputati per l’uccisione di Willy Monteiro Duarte a Colleferro, presenti in una chat segreta con altri amici chiamata “Gang bang”. Dichiarazioni che spuntano oggi dagli atti di un processo parallelo a quello in corso a Frosinone. «Camminerai sulla sedia a rotelle. Pensi che non ci arrivo a Terracina o dove caz*o abiti? Io ti trovo…Credi che io sia l’ultimo arrivato?», è uno dei commenti atroci. E ancora: «Un giorno ti avrò davanti e quel giorno lo ricorderai per tutta la vita. Ti trovo» o «La tua donna deve diventare la mia donna». Si tratta di frasi tremende, che i due avrebbero rivolto ad alcuni giovani presi di mira dal loro gruppo, pubblicate ieri sul quotidiano la Repubblica. Ma non ci sarebbero soltanto dei messaggi inquietanti nella chat emersa in un procedimento per droga ed estorsioni, parallelo a quello per la morte di Willy. Al vaglio anche alcuni video che lasciano sgomenti e provano lo stile violento dei fratelli Bianchi.

fratelli bianchi

Il giro di spaccio e i video agghiaccianti

Agli atti anche diversi video in cui si vedono i ragazzi sparare e distruggere telecamere di sorveglianza dei Carabinieri. Un amico dei due ad un certo punto tira fuori una pistola; un altro mima con un coltello il gesto di tagliare la gola a qualcuno. Come è emerso negli ultimi mesi, i fratelli Bianchi gestivano un importante giro di spaccio ad Artena e nei comuni limitrofi. Con quei soldi finanziavano il loro stile di vita lussuoso e alquanto sospetto per due nullatenenti. Leggi anche l’articolo —> Colleferro omicidio, fratelli Bianchi choc: «Facevamo sesso al cimitero con tre sconosciute»

 

 

Barbara D’Urso presa di mira da uno stalker: “Non nego di aver paura”

Benedetta Quagli accende l’estate dei suoi fan su Instagram: Miss Chiesa è insuperabile