in

Affitti a Roma: ecco come sono cambiati negli ultimi 6 mesi

A Roma, così come in tutte le città italiane, in questo post pandemia la situazione degli affitti ha subito grandi modifiche.

Da un lato è in costante calo il costo delle case in centro città, perché un numero crescente di persone preferisce oggi affittare o comprare casa in un quartiere periferico, immerso nel verde e in zone che non siano sempre affollate dalla presenza dei turisti. Sono in aumento coloro che guardano a soluzioni abitative che offrano ambienti grandi, spazio all’aperto e magari un parco nelle vicinanze. Fermo restando che, globalmente, la predilezione per chi vive a Roma va sempre alle zone più famose, quelle che si affacciano sui monumenti che tutti al mondo ci invidiano. Per fare un esempio pratico, un appartamento che si affaccia sul Colosseo difficilmente si deprezzerà molto nel corso degli anni.

Come trovare soluzioni economiche a Roma

Roma è pur sempre una grande città, che offre affitti a prezzi non eccessivamente elevati ma comunque più alti rispetto ai piccoli centri abitati. Anche con le diminuzioni degli ultimi due anni sono sempre tanti coloro che preferiscono scegliere una camera in affitto a Roma. Perché sono studenti e la ritengono la soluzione più adatta e pratica; perché sono lavoratori la cui famiglia non si può spostare e preferiscono fare i pendolari solo nel fine settimana; o perché hanno la necessità di vivere vicino all’ufficio o all’università, senza dover sborsare somme enormi. In una grande città non sempre è possibile trasferirsi nel quartiere più economico o che più ci piace, in vari casi si preferiscono appartamenti o camere in affitto a Roma in una zona pratica, che non costringa a fare troppi chilometri ogni giorno per spostarsi. Se anche tu vuoi fare questa scelta scopri la camera in affitto a Roma che fa per te, leggendo tutti gli annunci disponibili nella capitale. Si deve considerare anche il fatto che i canoni di affitto per le camere a Roma spesso comprendono anche tutte le spese accessorie, come gas, acqua ed energia elettrica.

I quartieri meno costosi

Nonostante i cali avvenuti nei mesi passati resta comunque il fatto che per quanto riguarda i quartieri centrali di Roma si partiva da prezzi decisamente più alti rispetto alla periferia. Oggi quindi nelle zone più note, più alla moda o dove sono presenti i palazzi storici il costo di un appartamento in affitto o in vendita è ancora molto elevato. Per trovare soluzioni che portano a spese minori ci si deve allontanare dal centro della città, per raggiungere la periferia. Da varie ricerche fatte sul campo Castelvedere continua ad essere uno dei quartieri meno costosi, così come Finocchio e Borghesiana. Spostandosi verso sud e verso ovest della città i prezzi sono leggermente più elevati, in linea però con quelli dello scorso anno. Nel corso degli ultimi sei mesi chi cerca casa continua a preferire appartamenti di dimensioni medie, con almeno due bagni e dalle 2 alle 3 camere da letto.

I quartieri più costosi

Nominando i quartieri in cui una camera in affitto a Roma, così come un appartamento, risultano particolarmente costosi si citano zone che anche chi non vive in città conosce, o ha almeno sentito nominare alcune volte nella vita. Come accennavamo, nonostante i cali il centro storico rimane la zona più costosa della capitale, così come i rioni di Monte Sacro, Conca d’Oro e Prati. Sono anche le zone in cui è più difficile trovare delle offerte interessanti, perché particolarmente apprezzate non solo da chi arriva in città dalla provincia o da un’altra Regione, ma anche da coloro che vivono a Roma da sempre. La mera valutazione del costo di un immobile non è però sufficiente a scegliere dove prendere in affitto una stanza a Roma o acquistare un appartamento. È fondamentale infatti valutare gli spazi disponibili e anche i servizi presenti nelle vicinanze, soprattutto in una città tanto grande.

Seguici sul nostro canale Telegram

Davide fontana

Davide Fontana confessa l’omicidio di Carol Maltesi: «Il freezer per i resti comprato su Amazon»

Trasporto auto con bisarca: quando può essere utile?