in

Alternative e Stabili: le due tipologie di valute digitali

È difficile trovare qualcuno che oggi non conosce i Bitcoin e le altre principali monete virtuali, e il nostro intento in questo articolo è quello di fare chiarezza tra le Altcoin e le Stablecoin.

Il termine Altcoin, ‘Alternative Coin’ che letteralmente significa ‘moneta alternativa’ definisce tutte le monete virtuali create dopo Bitcoin, e quindi per distinguere la prima criptovaluta creata in assoluto da tutte le altre.

Le Stablecoin che segnica ‘moneta stabile’ sono invece monete virtuali il cui valore è però ancorato a beni tradizionali e valute Fiat (euro, dollaro e così via).

Ci sono però anche Stablecoin ancorate ad altre criptomonete, un sistema implementato per far ritornare le monete digitali al principio della decentralizzazione. 

Le Altcoin come Bitcoin sono caratterizzate da un valore volatile, una caratteristica che rende queste monete ideali per l’investimento.

È importante sapere su quali crypto investire, e se siete dei principianti in materia, è utile leggere delle guide online e fare una piccola analisi del loro andamento sul mercato.

Scopriamo le caratteristiche di entrambe le valute digitali di seguito, 

Che cosa sono le Altcoin? 

Iniziamo dalle Altcoin, che sono state create qualche anno dopo Bitcoin, precisamente nel 2011. La prima Alternative Coin creata è Namecoin, ma non è stata quella che ad oggi ha riscosso il maggiore successo.

Ether, ad esempio, è al contrario un ottimo esempio di evoluzione per una Altcoin. 

La moneta digitale della tecnologia Blockchain Ethereum è tra le Altcoin più popolari e stabili. Inoltre, rispetto ai 21 milioni di monete Bitcoin che è possibile produrre, non c’è limite per gli Ether.

La lista di Altcoin in circolazione oggi è lunga e in continuo aggiornamento, e sono centinaia di migliaia le persone che comprano criptomonete popolari, ma anche emergenti grazie alla loro potenzialità di guadagno.

Le Altecoin rispetto a Bitcoin, offrono inoltre applicazioni aggiuntive, come la possibilità di creare gli Smart Contract, i ‘Contratti Intelligenti’ o lo sviluppo delle Applicazioni Decentralizzate, le cosiddette Dapp.

D’altro canto, non sono ancora largamente utilizzate e come Bitcoin, sono caratterizzate da un valore volatile, che le rende adatta all’investimento e forse meno all’acquisto, anche se è una scelta del tutto personale.   

Che cosa sono le Stablecoin? 

Se quindi le Altcoin si contraddistinguono per la volatilità del loro prezzo, e le oscillazioni dipendono da diversi fattori, tra cui anche il mercato esterno e l’interesse da parte dei media, le Stablecoin tentano di dare una stabilità alle criptomonete

Essendo ancorate a una moneta tradizionale o a un asset regolare, la loro oscillazione di prezzo è minima, e non corrono il rischio di cadute di valore improvvise come le Altcoin. Allo stesso modo, però, le Stablecoin non possono essere soggette a rialzi netti, e quindi sono meno popolari tra gli investitori. 

La prima Stablecoin che è stata creata è LEGARE, ma come per Namecoin con le Altcoin, il suo utilizzo non ha mai preso il decollo.

Proprio perché legate a mezzi di scambio regolari, le Stablecoin vengono definite ‘AntiBitcoin’, ma se da una parte sono estranee ad alcuni dei principi di Bitcoin e delle altre Altcoin, dall’altra possono offrire diversi servizi all’interno dei sistemi economici, assicurando transazioni più veloci e trasparenti.

Dopotutto, anche le Stablecoin nascono dalla tecnologia Blockchain.  

Investire in valute virtuali: come scegliere 

La grande popolarità delle monete virtuali ha spinto moltissimi investitori legati al sistema tradizionale a fare trading con le criptovalute.

Le oscillazioni di prezzo elevate dei Bitcoin e delle altre Altcoin possono infatti essere un’ottima fonte di guadagno. È bene ricordare sempre che la componente di rischio è presente, ed è quindi fondamentale scegliere una piattaforma sicura e regolamentata. 

Bitcoin Up è la risorsa online per il trading con le valute virtuali: Bitcoin e una lunga lista di cripto emergenti e popolari.

Per iniziare a fare trading con Bitcoin Up il primo passo consiste nell’effettuare la registrazione gratuita sulla piattaforma e se sei un principiante nel settore delle criptomonete puoi usare la versione demo per fare un po’ di pratica e familiarizzare con il software di trading.

Quando sei pronto, puoi programmare la modalità di trading che preferisci, impostare limiti di profitto e perdita ed effettuare il tuo primo deposito.

Seguici sul nostro canale Telegram

Covid bollettino 15 gennaio 2022

Covid oggi 1.677 in terapia intensiva (-2), 180.426 nuovi casi e 308 morti

Covid oggi 1.691 in terapia intensiva (+14), 149.512 casi e 248 morti: il bollettino