in

Andrea De Carlo “Il teatro dei sogni” in libreria: «Il Covid lascerà lunghe tracce nella nostra vita»

Su “Libreriamo” l’intervista allo scrittore Andrea De Carlo, che ha dato alle stampe lo scorso 24 settembre “Il teatro dei sogni”, edito dalla Nave di Teseo. Un libro, con cui, come si legge nel retro-copertina, lo scrittore “applica le sue capacità di osservazione sociale e di indagine psicologica a un romanzo fortemente contemporaneo, polemico ed esilarante, che scava nelle ragioni dei quattro protagonisti e ne fa emergere verità, segreti, ambizioni, paure e sogni sopiti”. Il volume ha per protagonista Veronica Del Muciaro, inviata di un programma tv di grandi ascolti. Una mattina di gennaio la donna sta per morire soffocata da una brioche in un caffè storico di Suverso. A salvarla uno strano e affascinante archeologo, il marchese Guiscardo Guidarini. Questi le rivela di aver riportato alla luce un importante sito. L’inviata scopre di cosa si tratta e lo rende pubblico in diretta tv, scatenando una furiosa competizione tra comuni, partiti rivali, giornalisti e autorità scientifiche.

leggi anche l’articolo —> Oriana Fallaci ad Alekos Panagulis: «Tu nato per comandare, io nata per disubbidire»

Andrea de carlo

Andrea De Carlo “Il teatro dei sogni” in libreria: «Il Covid lascerà lunghe tracce nella nostra vita»

Andrea De Carlo ha spiegato a cosa allude “Il teatro dei sogni”, cosa si nasconde dietro al titolo del suo ultimo libro: «C’è un teatro di tipo ellenistico che un archeologo riporta alla luce nel parco della sua proprietà. Poi c’è il teatro più vasto in cui i diversi personaggi del romanzo mettono in scena le loro ambizioni, le loro pretese, i loro conflitti. Infine c’è infine il teatro metaforico del nostro paese, che io racconto nelle sue rappresentazioni di politica e costume». Nel libro è presente anche un’allegoria della classe politica odierna, a cui lo scrittore rimprovera: «L’incompetenza, l’improvvisazione, la tendenza a fomentare le paure e i risentimenti dell’elettorato per ricavare vantaggi a breve termine. Ma soprattutto l’incapacità di sviluppare progetti a lungo respiro». 

Andrea de carlo

«L’ombra della pandemia è entrata nel mio romanzo, in forma di un’ombra che si può intuire appena sotto la superficie»

Nelle battute conclusive Andrea De Carlo, già noto per romanzi di successo come “Due di due” e “Treno di panna”, ha parlato delle conseguenze dell’emergenza sanitaria sulla scrittura. «Ne ha già avute, e ne avrà ancora, a tanti livelli. L’ombra della pandemia è entrata nel mio romanzo, in forma di un’ombra. Che si può intuire appena sotto la superficie satirica e a tratti farsesca della vicenda. Sono sicuro che succederà lo stesso ad altri autori, perché questa esperienza lascerà lunghe tracce nella nostra vita, e dunque anche nella letteratura in cui la vita si riflette», ha concluso lo scrittore. Leggi anche l’articolo —> Ken Follett: «Siamo alla morte della democrazia, i paesi stanno perdendo la propria libertà»

 

Seguici sul nostro canale Telegram

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Alba Parietti

Alba Parietti Instagram, nuovo sfogo sul figlio Francesco Oppini: «Non si toccano i sentimenti»

Donald Trump covid

Trump ci casca di nuovo: «Covid meno letale dell’influenza», Facebook però cancella il post