in

Anticorpo “bispecifico”, la novità per combattere il Covid: è efficace contro le varianti

Da qualche tempo si parla di anticorpi monoclonali Covid per combattere la malattia. Gli anticorpi monoclonali sono molecole in grado di riconoscere, legare e neutralizzare in maniera specifica un determinato agente estraneo e/o patogeno, come ad esempio il coronavirus. Dall’Europa arriva un nuovo sviluppo degli anticorpi monoclonali: l’anticorpo “bispecifico”, che potrebbe segnare una svolta nella cura del virus. Dai primi studi sembra che questo anticorpo sia efficace anche contro le varianti. Vediamo di cosa si tratta.

anticorpi monoclonali Covid

Anticorpi monoclonali Covid: il nuovo studio europeo

Il suo nome è CoV-X2. Si tratta dell’ultima innovazione in campo medico. l’anticorpo non solo è efficace contro il coronavirus ma sarebbe anche in grado di prevenire la malattia. Alcuni ricercatori europei hanno condotto lo studio. Il risultato della ricerca ha avuto un enorme successo tanto che la rivista Nature (clicca qui per vedere il lavoro) contiene la pubblicazione dello studio. Al gruppo di ricerca si è sono aggregati anche alcuni ricercatori del Policlinico San Matteo di Pavia.

Mariya Gabriel, Commissaria per l’istruzione, gioventù, sport e cultura della Comunità Europea, ha finanziato il progetto e adesso è entusiasta per il risultato raggiunto.”Grazie al lavoro dei ricercatori finanziati dall’UE, questa nuova scoperta potrebbe prevenire e trattare i casi di Covid-19, salvando delle vite”.

ARTICOLO | Bar divieto di consumo al banco, la Fipe: “Caos e beffa, intervenga il ministero dell’Economia”

ARTICOLO | Anne McLaren, chi è la biologa inglese celebrata oggi dal Doodle di Google

anticorpi monoclonali Covid

Anticorpo “bispecifico”: come funziona

“Abbiamo dimostrato che l’anticorpo bispecifico CoV-X2 è più efficace dei relativi anticorpi monoclonali nell’inibire il legame con l’ACE2”, scrivono i ricercatori. L’Ace2 è il recettore che serve al Covid per entrare nelle nostre cellule e replicarsi. Nello studio due anticorpi naturali sono stati legati insieme per creare un’unica molecola: un’arma in grado di proteggere un individuo anche dalle varianti del Covid. L’anticorpo “bispecifico”, chiamato così perché a doppia azione, riconosce contemporaneamente due diversi antigeni (molecole) del virus. A differenza degli anticorpi che riconoscono un singolo antigene, il doppio legame ha la stessa efficacia contro le varianti. I ricercatori considerano questo anticorpo un ottimo candidato per la sperimentazione clinica, con buone possibilità di utilizzo sia nella prevenzione della malattia sia nella cura di pazienti.

“L’anticorpo è stato sviluppato nell’ambito dell’attività del progetto di ricerca ATAC (Antibody Therapy AgainstCoronavirus), finanziato dall’European Research Council (ERC)”, ha spiegato a Repubblica Fausto Baldanti, Responsabile del laboratorio di Virologia molecolare del San Matteo. Del consorzio di ricerca fanno parte anche il Karolinska Institutet di Stoccolma (Svezia, l’Istituto di Ricerca in biomedicina (IRB) di Bellinzona (Svizzera), l’Università di Braunschweig (Germania) e il Joint Research Center (JCR) della Commissione Europea. Ha collaborato pure la Rockfeller University di New York.>>Tutte le notizie

bella thorne

Bella Thorne: carriera, vita privata e curiosità sulla fidanzata di Benjamin Mascolo

Milva morta

La morte di Milva, parla la figlia: «Non c’entra il Covid e neanche l’Alzheimer»