in

Antonio Conte al Tottenham vuol fare “spesa” di talenti in Italia: i nomi nel mirino

Antonio Conte al Tottenham. Ormai manca solo l’ufficialità, ma Conte torna in pista in un club ambizioso di Premier League come il Tottenham. Dopo l’esonero di Nuno Espirito Santo, gli Spurs hanno puntato forte fin da subito sul tecnico campione d’Inghilterra col Chelsea. (Continua a leggere dopo la foto)

Antonio Conte al Tottenham

Ieri, giornata festiva in Italia ma non oltremanica, è stata una giornata di contatti intensi tra lo staff dirigenziale del Tottenham e Antonio Conte. L’ex allenatore dell’Inter ha lavorato con Paratici e col presidente Daniel Levy ad un contratto di un anno e mezzo, fino al 2023. Le indiscrezioni, confermate stamattina anche dal Corriere della Sera, parlano di 17,6 milioni all’anno per il tecnico pugliese, che avrebbe già espresso idee molto chiare alla società per far ripartire gli Spurs.

Antonio Conte al Tottenham, l’accoglienza entusiasta della stampa inglese

Come dicevamo, manca solo l’annuncio ufficiale, ma la stampa inglese ha già accolto con entusiasmo il ritorno di Conte in Premier League. Il Daily Mail stamattina titolava “Conte coup”, per poi specificare nell’articolo che l’ex tecnico dell’Inter sarà il nuovo manager del Tottenham e che per lui sarebbe pronto un contratto di diciotto mesi e un ingaggio faraonico da 13 milioni di sterline.

Che sarebbero addirittura di più per The Daily Telegraph: il quotidiano titola “Conte pronto a firmare un accordo da 20 milioni di sterline con gli Spurs” per poi parlare dell’intesa tra il duo Levy-Paratici e Conte, che avrà il compito di risollevare il club dopo un avvio di stagione complicato. “Fuori per Conte” chiosa il Daily Star, che dipinge il tecnico italiano come un “serial winner” al quale gli Spurs hanno deciso di affidare il proprio rilancio. (Continua a leggere dopo la foto)

conte al tottenham vuole barella e chiesa

Conte vuol fare “spesa” di talenti in Italia: i nomi nel mirino

Già oggi Antonio Conte, salvo sorprese improbabili, potrà dirigere il primo allenamento con Kane e compagni: proprio i giocatori nel pomeriggio di ieri sono stati avvertiti dell’imminente arrivo del nuovo mister. Quel che tiene banco invece in queste ore sono le idee e i desiderata di mercato del neo tecnico degli Spurs: a gennaio e soprattutto a giugno potrebbero arrivare sorprese importanti. Nella lista di Conte ci sono molti “Italiani”: alcuni di loro hanno concrete possibilità di vestire presto la maglia del Tottenham.

Tuttomercatoweb già da ieri sostiene che l’intenzione di Conte è quella di fare spesa a Milano, sponda nerazzurra. Non è un segreto che l’ex tecnico dell’Inter aveva, infatti, un grande feeling con i big della formazione che l’anno scorso ha vinto il titolo di Campione d’Italia. Il club nerazzurro dal canto suo, dovrà obbligatoriamente fare cassa per reinvestire sul prossimo mercato estivo, visto che la proprietà ha completamente chiuso i rubinetti.

Ma di che nomi stiamo parlando? Secondo altre fonti italiane sul taccuino di Conte ci sarebbero i nomi di Lautaro, Barella e Skriniar. Ma attenzione anche a De Vrij e Brozovic, entrambi in scadenza. Se il nome di Lautaro Martinez appare più una boutade che altro – ha appena firmato il rinnovo con l’Inter fino al 2026 – per quanto riguarda Barella, ancora in attesa del nuovo contratto, la possibilità di un passaggio agli Spurs è aperta.

L”Inter ha prospettato al centrocampista un futuro da protagonista in nerazzurro. Ma è altrettanto vero che Conte ha da subito visto in lui un giocatore di grandissima qualità che per caratteristiche potrebbe adattarsi perfettamente alla Premier. Tutto dipenderà, oltre che dalla volontà del giocatore, anche dalle cifre che il Tottenham metterà sul piatto per la campagna di rafforzamento.

Ma non è finita qui: Antonio Conte vedrebbe molto bene al Tottenham anche due degli attaccanti più forti oggi in Serie A: Federico Chiesa e Dusan Vlahovic, oltre al difensore centrale bianconero De Ligt. E qui, sinceramente, le possibilità di una loro partenza per la terra d’Albione sono decisamente più concrete, soprattutto per Vlahovic che potrebbe lasciare Firenze già a gennaio 2022. Staremo a vedere.

Seguici sul nostro canale Telegram

giorni morti frasi

Giorno dei morti, le frasi più belle per ricordare i defunti. Le origini del 2 novembre

aumento contagi covid zangrillo

Aumento contagi in Italia, Zangrillo bordata al collega: «Cambia mestiere»