in

Comunali Roma, Richetti (Azione): “Ballottaggio? La nostra storia politica è chiara”

Ballottaggio a Roma, al primo turno “noi i più votati, un risultato così non me l’aspettavo nemmeno io”. Matteo Richetti, senatore di Azione, è intervenuto ai microfoni di Radio Cusano Campus, per parlare del secondo turno delle elezioni amministrative nella Capitale. (Continua a leggere dopo la foto)

Ballottaggio a Roma Calenda Richetti Azione

“Siamo europeisti, moderati e riformisti, possiamo dire che siamo il partito di Draghi. Al di là del giochino di stereotipare Calenda come quello dei Parioli, lui è tutto tranne che radical chic. Ballottaggio? La nostra storia politica è chiara, ma dal PD esigiamo chiarezza”, ha detto Richetti.

Ballottaggio a Roma, Richetti: “La nostra storia politica è chiara”

Azione lista più votata a Roma. “Un risultato così non me l’aspettavo nemmeno io che ho lavorato per la campagna di Calenda, molto bella anche dal punto di vista dell’entusiasmo e della passione –ha affermato Richetti-. Sono stati premiati il lavoro, la serietà, adesso c’è la responsabilità di consolidare e di costruire, non vogliamo che sia un episodio, vogliamo aprire una fase nuova”.

Sull’elettorato di Azione. “Io sono tutto tranne che di destra, sono un uomo di centrosinistra. Penso, come tanti elettori, che il modo di declinare le politiche di centrosinistra: la redistribuzione, il garantismo, la centralità della persone e dei suoi diritti, nelle forze di centrosinistra abbia un po’ smarrito la bussola, per questo abbiamo fondato Azione. Ma queste istante non sono solo di chi ha votato centrosinistra. Ad esempio Enrico Costa oggi dentro ad Azione trova riscontro alle sue idee. Il nostro elettorato è stanco sia dell’uno vale uno che di prima gli italiani”. (Continua a leggere dopo la foto)

Ballottaggio a Roma calenda

“Calenda? Tutto fuorché un radical chic. Con Gualtieri 2 anni fa era candidato nella stessa lista”

“Siamo europeisti, moderati e riformisti”, ha affermato il senatore di Azione. “Draghi oggi offre una lezione sul fatto che questi termini possono rappresentare un’esperienza di governo positiva. Io credo che noi siamo il partito di Draghi, il partito più prossimo alla scelta di Draghi premier. Azione, insieme a Leu, è il partito più frequentato dai giovani, quando prendi il 20% in tutta la città non lo puoi prendere solo nella ztl, altrimenti non ne prendi così tanti. Calenda ha fatto la sua campagna in tutta la città. Bisogna dire però che quando vota solo un elettore su due, ti devi porre il problema del perché quelle periferie non vanno a votare alle comunali vuol dire che c’è una rottura molto forte. Al di là del giochino di stereotipare Calenda come quello dei Parioli, lui è tutto tranne che radical chic”.

Sul ballottaggio Gualtieri e Michetti. “La mia storia parla chiaro. Peraltro Gualtieri e Calenda erano candidati nella stessa lista due anni fa. Dopodiché non rinuncio a dire quanta preoccupazione muova rispetto all’ambiguità che il Pd continua ad utilizzare nel suo programma sui temi fondamentali. Si può rassicurare sul fatto che dietro Gualtieri non ci sia la solita filiera? Deve essere chiara la proposta che vogliono fare ai romani”.

Seguici sul nostro canale Telegram

lecco picchiata donna

Lecco, si lamenta per il troppo rumore e viene picchiata da un gruppo di giovani: ora è in ospedale

riapertura discoteche

Riapertura discoteche e capienza, cosa dice il nuovo decreto: misure e sanzioni