in

Cambio colore regioni, Lazio verso l’arancione, stabile la Lombardia: le nuove previsioni

I dati settimanali sul contagio da Covid-19 spingono, come ormai di consueto, verso un nuovo cambio colore per le regioni d’Italia. Mentre si fa strada l’ipotesi di ripristinare le zone gialle a partire dal 7 aprile 2021 per le Regioni a basso contagio, si fanno i conti con le imminenti nuove colorazioni. Tra conferme e novità, alcune regioni potranno regredire o migliorare rispetto alla situazione in essere.

Cambio colore regioni

Cambio colore regioni, tra conferme e novità: le nuove colorazioni

Stando all’andamento dei contagi, sono ancora tante le regioni che superano il parametro dei 250 nuovi casi ogni 100mila abitanti e che, dunque, devono rimanere in zona rossa. Tra queste la Lombardia, che manterrà quasi sicuramente il colore attuale, l’Emilia Romagna e le Marche, appena sotto il livello di guardia. Stessa sorte per la Valle d’Aosta (in zona rossa da lunedì), Puglia e provincia di Trento, ma anche Friuli Venezia Giulia e Piemonte che si muovono verso la conferma del rosso. Buone notizie giungono dal Lazio che, dalla prossima settimana, potrà passare probabilmente all’arancione, allentando leggermente le misure.

ARTICOLO | Covid, il bollettino di oggi: 23.696 nuovi casi e 460 morti, +32 in intensiva

ARTICOLO | Nuovo Dpcm e aprile in zona rossa? Le ipotesi su cui sta lavorando il governo

Cambio colore regioni

Veneto in bilico, ipotesi zona gialla dopo Pasqua

Nel ballo dei colori resta in bilico il Veneto: il presidente Luca Zaia, in merito, ha sottolineato come l’Rt sia “ai limiti dell’arancione e abbiamo un’incidenza intorno ai 250 nuovi casi ogni 100mila abitanti. Aspettiamo con ansia le attribuzioni dei parametri”. L’Rt in Regione è di 1,09/1,10. Intanto si lavora all’ipotesi di ripristinare le aree meno soggette a limitazioni a partire dal 7 aprile. La zona gialla, sospesa dall’attuale decreto legge, potrebbe essere reintrodotta in vista dell’aggiornamento delle misure anti-contagio in scadenza il 6 aprile. A tal proposito, stando a quanto riferito da Tgcom24, pare regnare un po’ di confusione. Se alcune fonti ministeriali ritengono probabile l’allentamento delle restrizioni, secondo altre i numeri consentiranno difficilmente di addolcire le misure. >> Tutte le news

Mario Draghi Erdogan dittatore

Mario Draghi e l’inganno delle case farmaceutiche: l’Europa non può chiudere un occhio

dritto e rovescio

“Dritto e Rovescio”, Cruciani: «Volevano impiccare Conte, ora tutti zitti e muti nel governone»